Sciame sismico, la Calabria trema ancora

Lo sciame sismico in Calabria continua. Alle 8.06 di stamane una forte scossa di magnitudo 4.4 è stata avvertita nella Piana di Gioia Tauro e in provincia di Reggio Calabria.

E’ avvenuta a 75 chilometri di profondita’ ed e’ al momento isolata, ossia non seguita da repliche, verso costa. Il ‘motore’ che l’ha generata, rilevano gli esperti della sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e’ il fenomeno per il quale la Placca Ionica tende a scivolare sotto la Calabria.

Lo stesso tipo di movimento il 29 agosto scorso aveva provocato un terremoto di magnitudo 4,6 in mare, nella zona dello stretto di Messina, anche in quel caso il sisma era avvenuto in profondita’ e non era stato seguito da repliche.

Le osservazioni basate sui terremoti passati, rilevano dalla sala sismica, mostrano che in questa zona non sono infrequenti scosse isolate e non seguite da repliche. ”Ma queste – rilevano gli esperti della sala sismica – sono osservazioni basate sul passato e che non hanno nulla a che vedere con il futuro”. Altre scosse sul Pollino. Lo sciame prosegue senza soste su tutto l’appennino calabro lucano.

La gente ancora ha paura e dorme all’aperto. Il governo ha dischiarato lo stato di emergenza per i primi interventi di messa in sicurezza. Finora, fa sapere l’Anas, non si registra nessun danno alle strutture dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria  Il traffico e’ regolare sull’autostrada e su tutte le altre arterie di competenza. ”Le squadre di emergenza, immediatamente attivate a seguito dell’evento sismico stanno effettuando sopralluoghi e verifiche continue in corrispondenza di gallerie, ponti e viadotti presenti sulla rete stradale in gestione diretta, in particolare, sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria”.