Anche dai McDonald’s calabresi i fondi per Arquata del Tronto

Arquata del Tronto dopo il sisma
Arquata del Tronto dopo il sisma

MILANO – Anche i clienti calabresi di McDonald’s hanno partecipato alla raccolta fondi per la ricostruzione di Arquata del Tronto, centro duramente colpito nei terremoti dello scorso anno. Il progetto, presentato nei giorni scorsi, mira alla ricostruzione di aree sportive e ricreative nel comune marchigiano con il contributo di McDonald’s Italia, che ha raccolto quasi mezzo milione nella sua catena di ristoranti, tra cui i 13 presenti in Calabria.

Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) è uno dei comuni rimasti fortemente colpiti dallo sciame sismico dell’estate e dell’autunno 2016, e questo progetto di riqualificazione è frutto di un’iniziativa solidale promossa da McDonald’s nei mesi di novembre e dicembre 2016, che ha visto anche i 13 ristoranti calabresi impegnati in prima linea per la causa. Ogni ristorante ha infatti donato 1 euro per ogni porzione di olive all’ascolana acquistata dai clienti a favore della ricostruzione del comune ascolano.

Il successo dell’iniziativa ha superato le aspettative: sono stati raccolti 470.000 euro in soli due mesi. Questi fondi saranno utilizzati per la realizzazione di un nuovo campo sportivo polifunzionale dotato di un poliambulatorio e di aree verdi attrezzate nella frazione di Borgo Arquata e per la riqualificazione di un campo di calcio e di un parco pubblico nella frazione di Faete. Queste strutture saranno costruite, curate e gestite dal Comune di Arquata del Tronto e saranno a disposizione di tutti i cittadini arquatani che potranno così contare su nuovi importanti luoghi di aggregazione.

“Sono particolarmente orgoglioso di presentare il nostro contributo a favore della ricostruzione di Arquata del Tronto. Vorrei farlo a nome di tutti i ristoranti McDonald’s e di tutti gli imprenditori che li gestiscono, che hanno fortemente collaborato al raggiungimento di questo importante traguardo” – ha commentato Dario Baroni, capo delle politiche marketing di McDonald’s Italia.

“Questa iniziativa è nata dalla volontà di far sentire la nostra vicinanza al territorio e alle famiglie rimaste coinvolte dal sisma, per sostenerle nel loro rientro alla normalità anche grazie agli spazi e alle strutture che l’Amministrazione potrà creare con questi fondi”. Con questo progetto McDonald’s conferma la propria vicinanza ai territori in cui è presente. In Calabria, i ristoranti sono 13 e occupano quasi 400 dipendenti.