Maxi truffa all’Inps, denunciati 1.500 falsi braccianti. Anche mafiosi

carabinieri inpsLOCRI (REGGIO CALABRIA) – I militari della compagnia di Locri hanno denunciato in stato di libertà 1.464 persone, ritenuti responsabili a vario titolo di concorso in peculato, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e truffa aggravata e continuata.

I carabinieri hanno passato al setaccio le attività degli ultimi 6 anni di 31 aziende agricole, alcune delle quali di fatto non esistenti, cui facevano capo, complessivamente, oltre 1.400 dipendenti.

Dal confronto fra documenti e dichiarazioni rilasciate dai presunti lavoratori, sono emerse numerose incongruenze che evidenziano come tutti i rapporti di lavoro erano stati denunciati al solo fine di far percepire ai soggetti interessati indebite prestazioni assistenziali o previdenziali erogate dall’Inps, oltre che per ottenere finanziamenti europei, con un danno erariale di oltre 11 milioni di euro (per l’esattezza 11.122.596).

Dopo quasi due anni di indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Locri i militari hanno appurato non soltanto che gli agricoltori o presunti tali non conoscono l’ubicazione o la conformazione di terreni sui cui avrebbero lavorato per anni, ma che attestano l’impiego in allevamenti di fatto privi di bestiame. Inoltre operai alle dipendenze di datori di lavoro e con colleghi di cui non ricordano i nomi; oppure l’assenza di documentazione sulle attività imprenditoriali delle aziende, o ancora terreni incolti che sulla carta risultano floridi vigneti e uliveti.

Fra gli iscritti nel registro degli indagati anche numerosi pregiudicati, alcuni dei quali ritenuti soggetti di spicco di alcune importanti ‘ndrine che operano nella locride.

Gli inquirenti non escludono ulteriori sviluppi investigativi finalizzati a verificare il grado di condizionamento esercitato dalla criminalità organizzata.