Catanzaro, Arturo Bova ascoltato in procura dai magistrati

Catanzaro, Arturo Bova ascoltato in procura dai magistrati
Arturo Bova

CATANZARO – Il consigliere regionale della Calabria Arturo Bova è stato sentito lunedì 18 in Procura, in qualità di parte offesa, dopo aver subito sabato scorso il secondo incendio dell’automobile in dieci mesi.

Bova, esponente del Pd, avvocato penalista e presidente della commissione regionale contro la ‘ndrangheta, è stato ascoltato dal Procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri, dai sostituti Graziella Viscomi e Vito Valerio, e dal comandante del reparto operativo provinciale dei carabinieri di Catanzaro, colonnello Alceo Greco.

Sul contenuto dell’audizione di Bova viene mantenuto il massimo riserbo. Gli investigatori, al momento, stanno svolgendo le indagini senza trascurare alcuna ipotesi.

Alcuni sconosciuti sabato notte, ad Amaroni, hanno incendiato l’automobile di Arturo Bova, un Suv dell’Audi, mentre il mezzo era parcheggiato all’esterno dell’abitazione del consigliere regionale. Nell’aprile dello scorso anno Bova aveva subito un episodio analogo con l’incendio di due sue automobili.

Intanto, nel piccolo centro del Catanzarese, dove l’esponente politico è stato sindaco per due mandati, si è svolto un consiglio comunale aperto dove è stato condannato il gesto intimidatorio subito dal consigliere regionale.

Arturo Bova,  alle elezioni regionali del 23 novembre 2014, venne eletto con 2.953 preferenze nella circoscrizione “Centro” con i “Democratici Progressisti”, lista che sostenne la coalizione di Centrosinistra che ha portato alla vittoria l’attuale governatore, Mario Oliverio. Nel mese di novembre 2015, Bova è stato eletto presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta del Consiglio regionale riportando 19 preferenze su 31 presenti e votanti in consiglio regionale.