Sbanda sulla 106 a Catanzaro Lido, muore un ragazzo 22enne

Francesco Manoiero muore in un incidente stradale sulla statale 106 a Catanzaro Lido
La vittima dell’incidente Francesco Manoiero (Fb)

Un giovane di 22 anni, Francesco Manoiero, è morto la notte scorsa in un incidente stradale sulla 106 a Catanzaro Lido, all’altezza del passaggio a livello. L’auto sulla quale viaggiava, una Smart, per cause in corso di accertamento, sarebbe sbandata finendo contro un palo della luce.

Il giovane, che tutti conoscevano come Ciccio, è stato sbalzato dalla vettura ed è morto sul colpo. Sul posto sono intervenuti i medici del 118, i vigili del fuoco. La polizia stradale ha compiuto i rilievi per cercare di risalire alle cause dell’incidente.

Sull’ennesimo incidente stradale mortale è intervenuta l’associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, che in una nota pubblicata da Catanzaroinforma.it, ricorda che quella del giovane è l’undicesima vittima della cosiddetta “strada della morte”.

“L’associazione, apprende con dolore e sgomento della morte di Francesco Manoiero, 20 anni, deceduto in seguito ad un incidente avvenuto nella notte sulla statale 106 a Catanzaro Lido”.

“Francesco – scrivono dall’associazione – è la undicesima vittima della “strada della morte” nel 2016 dopo Eugenio Vadalà (28 anni) e Giuseppe Barone (18) deceduti l’8 gennaio a Bocale frazione di Reggio Calabria, Francesco Nicola Dati (29) deceduto il 21 gennaio a Cirò Marina (KR), Carmela Palermo (66) deceduta il 6 febbraio a Rossano (CS), Francesco Gaetano (62) deceduto il 13 aprile a Corigliano Calabro (CS), Maria Cristina Brancatisano (53) deceduta il 15 maggio a Montebello Jonico (RC) e Pasquale Scarano (67) deceduto il 16 maggio a Brancaleone (RC), Vittorio Leotta di 25 anni e Deborah Ranieri di 21 anni deceduti il 22 maggio a Sant’Andrea dello Jonio (CZ) e Dmytro Lazarenko di 27 anni deceduto il 29 maggio a Ferruzzano (RC)”.

“Sulla famigerata e tristemente nota “strada della morte” in Calabria – continuano da “Basta vittime sulla Strada Statale 106 – dall’uno di gennaio 2016 fino ad oggi, abbiamo esattamente una vittima ogni 14 giorni”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here