Bando sull’edilizia sociale, Pino Gentile rinviato a giudizio

 Pino Gentile
Pino Gentile

L’attuale vice presidente del Consiglio regionale della Calabria, Pino Gentile (Ncd), è stato rinviato a giudizio nell’ambito di una inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro sulle presunte irregolarità nel bando della Regione per la realizzazione di alloggi di edilizia sociale.

Gentile è imputato in qualità di assessore regionale ai Lavori pubblici nella precedente giunta di centrodestra guidata da Giuseppe Scopelliti. Insieme a lui il giudice per l’udienza preliminare Pietro Carè, ha mandato a processo anche i dirigenti regionali Giovanni Laganà, Domenico Pallaria, Filippo Arillotta e Antonio Capristo (quest’ultimo prosciolto per quattro capi di imputazione).

Il gup ha invece deciso per il non luogo a procedere nei confronti William Grimoli, Giovanni Pianini, Fiore Cava, Antonio Tallarico, Bina Sprovieri e Giuseppe Chimenti. I sostituti procuratori Domenico Guarascio e Fabiana Rapino avevano contestato varie ipotesi di abuso d’ufficio e falso ideologico in atto pubblico con riguardo all’annullamento del bando per la realizzazione di alloggi di edilizia sociale da offrire in locazione o in proprietà effettuato nel periodo in cui Gentile era assessore ai Lavori pubblici.

Per il bando annullato, emanato dalla precedente giunta regionale a guida Loiero, era stata già pubblicata una graduatoria dei beneficiari. Il bando successivo (assessorato a guida Pino Gentile) che annullò l’esito del primo, dopo integrazioni e modifiche, procurò, secondo l’accusa, “un ingiusto vantaggio patrimoniale a talune imprese cooperative concorrenti”. Fu uno dei vincitori del primo bando – titolare di una azienda edìle – che escluso nel secondo avviso, tra ricorsi e denunce in procura, fece scattare l’inchiesta sulle presunte irregolarità.

Condividi