Indagati due medici per il 47enne morto dopo un intervento

medici in corsiaÈ stata eseguita sabato l’autopsia sul corpo di Romolo Cappuccino, il 47enne di Soverato deceduto subito dopo essere stato sottoposto a un intervento in artroscopia al ginocchio. Il titolare del fascicolo, il sostituto procuratore Graziella Viscomi, ha dato incarico a due medici Mirko Massimilla e Bruno Amantea.

Prima dell’esame autoptico la Procura della Repubblica di Catanzaro ha fatto recapitare due avvisi di garanzia a un anestesista e a un chirurgo della clinica Villa Serena di Catanzaro per consentire anche ai due indagati di nominare dei propri consulenti per l’autopsia.

I risultati si avranno fra 60 giorni. L’episodio è avvenuto mercoledì sera quando l’uomo subito dopo l’intervento, effettuato in anestesia locale, ha avvertito un malore. Nonostante il pronto intervento dei sanitari, l’uomo è deceduto. I suoi familiari si sono rivolti all’autorità giudiziarie per verificare le cause della morte.