Catanzaro, sequestrata area privata con rifiuti speciali. Una denuncia

Auto Carabinieri ForestaleNel corso dei servizi finalizzati alla tutela ambientale, le stazioni Carabinieri forestale di Catanzaro e di Taverna, hanno proceduto al sequestro di un’area utilizzata per lo smaltimento di rilevanti quantità di rifiuti, in parte già ricoperta da materiale terroso, da parte di un soggetto che in precedenza ha operato anche nel settore urbanistico ed edilizio.

In particolare i Carabinieri forestali hanno individuato all’interno di un’area, di proprietà privata con accesso chiuso da un cancello con lucchetto, nel comune di Catanzaro in località San Cono, dei rifiuti speciali provenienti da attività edilizie e dei rifiuti urbani e ingombranti, distribuiti su una vasta superficie estesa circa 600 metri quadri.

La tipologia di rifiuti rilevata, estremamente variegata rientra sia tra i rifiuti urbani e ingombranti provenienti da uso domestico e giardinaggio, sia tra quelli speciali provenienti da attività edilizia con presenza anche calcinacci, pezzi di cemento, mattoni, piastrelle e altro, tali da configurare oltre all’ipotesi di illecita gestione di rifiuti non autorizzata, anche l’illecita miscelazione dei rifiuti stessi, nonché la violazione delle norme in materia paesaggistico ambientale, essendo stato interessato anche territorio coperto da bosco, con specie di pregio quali la quercia sughera.

A conclusione delle attività, ed eseguiti i rilievi di rito e i riscontri documentali si è proceduto al sequestro dell’area e dei rifiuti e alla denuncia di una persona.