La moglie lo tradisce e lui si vendica con l’amante. In carcere

Auto PoliziaBrandendo un grosso coltello da cucina avrebbe tentato di aggredire quello che ritiene essere l’amante della moglie e di conseguenza il responsabile del fallimento del suo matrimonio.

Per un catanzarese di 49 anni, D. F. G., già arrestato dalla polizia per tentato omicidio agli inizi di ottobre si sono aperte le porte del carcere in seguito a una misura cautelare (di aggravamento) emessa dall’autorità giudiziaria del capoluogo.

L’uomo, secondo l’accusa, avrebbe anche maltrattato la moglie e i figli minori di entrambi, probabilmente arrabbiato per il naufragio del rapporto causato, a suo avviso, dall’intrusione nella sua famiglia di un terzo incomodo. In seguito ai presunti maltrattamenti verso la consorte l’uomo fu destinatario di un divieto di avvicinamento alla presunta vittima.

Il marito, dopo la notifica del provvedimento, spinto dalla rabbia, voleva forse “vendicarsi” con l’amante: si era recato in un locale privato di via Murano a Catanzaro Lido, frequentato dal rivale e lo avrebbe aggredito con un coltello, fortunatamente senza colpirlo.