Indennità falsi braccianti, 157 denunce nella Sibaritide

Indennità falsi braccianti, 157 denunce nella SibaritideCOSENZA – Centocinquantasette persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Castrovillari dalla Guardia di Finanza di Montegiordano (Comando Provinciale di Cosenza) per aver falsamente dichiarato indennità di disoccupazione, sussidi di maternità, assegni familiari e indennità di malattia.

L’ammontare della truffa perpetrata ai danni dell’erario è pari a 700 mila euro, erogati attraverso la predisposizione di falsi contratti di fitto/comodato di terreni. In base a quanto dichiarato, risultavano assunti centinaia di falsi braccianti agricoli, a tempo determinato, per un totale di otto mila giornate lavorative.

L’attività dei lavoratori agricoli assunti fittiziamente veniva dichiarata su terreni inesistenti e in qualche caso anche sotto sequestro per inquinamento ambientale. Dagli accertamenti è emerso che non sono stati versati contributi previdenziali all’Inps per circa 150 mila euro.

Secondo quanto accertato, sulla carta risultavano assunti centinaia di operai agricoli (lavoratori inesistenti) a tempo determinato ed effettuate 8.000 giornate lavorative.

In realtà si trattava di lavoratori fittizi impiegati su terreni inesistenti, non nella effettiva disponibilità o addirittura sottoposti a sequestro dalle stesse Fiamme Gialle per inquinamento ambientale.

Il danno complessivo segnalato alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Catanzaro è risultato di 757.000 euro.

Continua l’impegno della Guardia di Finanza volto ad assicurare un corretto e appropriato uso delle risorse economiche disponibili al fine sostenere le imprese e le famiglie effettivamente bisognose.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here