Notte di terrore a Cosenza, 30enne preso in ostaggio e rapinato. 4 arresti

Tenta di fare esplodere un palazzo con una bombola. Ricoverato con TsoI militari dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rende, unitamente a quelli della Stazione Carabinieri di San Pietro in Guarano e quelli dell’Aliquota Radiomobile di Cosenza, in Rende, hanno arrestato 4 persone, di 24 anni, di 19, di 18 e un 16enne, tutti cosentini, per sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

I militari hanno rintracciato e ammanettato i quattro giovani che poco prima, a Cosenza in un’area di parcheggio nelle vicinanze dello svincolo autostradale, con la scusa di chiedere un passaggio, salivano a bordo dell’autovettura della vittima, un 30enne di Cosenza, e una volta entrati dentro l’auto, lo hanno ferito al volto con una forbice e con pesanti minacce gli intimavano di consegnare loro la somma contante di  500 euro per poter riavere la sua libertà.

Il giovane, nel frattempo derubato di tutti i suoi effetti personali (portafoglio, smartphone, orologio da polso..) essendo sprovvisto del denaro richiesto dai malviventi, con la scusa di farsi accompagnare a casa per poter prendere il bancomat del padre e soddisfare la richiesta dei malviventi, è riuscito a scappare e a dare l’allarme ai genitori e ai vicini di casa.

I malviventi pertanto si davano alla fuga con l’autovettura del malcapitato, ma a seguito di immediate ricerche diramate dagli operatori del 112 del Comando Provinciale dei Carabinieri di Cosenza, veniva avviata una massiccia e immediata caccia all’uomo con numerosi posti di controllo, che infatti consentiva di intercettare a Rende i malfattori, i quali, dapprima tentavano di dileguarsi a forte velocità, ingaggiando un inseguimento con i militari operanti, successivamente non si fermavano all’alt intimato dagli altri militari di rinforzo dislocati sulle principali arterie stradali, forzando il dispositivo in atto ed infine, vistisi alle strette, abbandonavano il mezzo e si davano a rocambolesca fuga a piedi per le campagne circostanti dove, al termine di un estenuante inseguimento, tre di essi venivano prontamente raggiunti e immobilizzati dagli operanti.

Il quarto, dapprima sfuggito alla cattura, a seguito dei primi accertamenti è stato immediatamente individuato e sorpreso all’interno della sua abitazione con ancora addosso gli abiti bagnati e sporchi di fango utilizzati durante la precipitosa fuga nelle campagne. Gli arrestati maggiorenni sono stati associati presso la casa circondariale di Cosenza. L’arrestato minorenne invece, accompagnato presso l’istituto di pena minorile di Catanzaro.

Le indagini sono dirette dal Sostituto Procuratore di turno della Procura della Repubblica di Cosenza, Dottor Domenico Frascino e personalmente coordinate dal Procuratore Capo, Dottor Mario Spagnuolo.

Condividi

Rispondi