Luminarie, Occhiuto replica a Guccione: “Smetta di alludere al torbido”

luminarie cosenza in centro“La determina dirigenziale 2328/2016 con cui l’Amministrazione ha affidato il servizio di “Fornitura e installazione luminarie cittadine-piazza Bilotti” alla ditta Med Labor di Cosenza, che il consigliere comunale Carlo Guccione pone al centro delle sue abituali strumentalizzazioni politiche, è relativa a una regolare procedura di gara alla quale sono state invitate, attraverso apposita determina dirigenziale e secondo le normative vigenti, 14 ditte del settore”.

Il sindaco Mario Occhiuto risponde a quanto affermato dall’esponente dell’opposizione, precisando: “Per l’ennesima volta, sfugge a Carlo Guccione, avvezzo a tirarmi in causa per funzioni che non attengono al sottoscritto, la differenza tra ruolo politico e gestione amministrativa. Quest’ultima, com’è noto anche a chi non fa parte dell’Assise municipale, rientra nelle competenze degli uffici e degli organi dirigenziali. Ma, nonostante non sia il Sindaco ad espletare queste specifiche pratiche, tengo a replicare personalmente a certe sollecitazioni inconcludenti che hanno come unica finalità quella di confondere i cittadini, alludendo demagogicamente al torbido. Il costo per le luminarie è, in relazione al numero dei nostri abitanti, molto inferiore rispetto a città come Salerno, Bari, Torino”.

“Parlo di costo per abitante ovviamente – aggiunge Occhiuto – considerando le dovute proporzioni tra le diverse città. La scelta delle luminarie consente, soprattutto, di far sì che nel periodo di Natale si registrino ogni anno visite di decine di migliaia di persone a Cosenza, provenienti da altre province e anche da fuori regione. Queste persone alloggiano, acquistano da noi, usufruiscono dei ristoranti e dei servizi di Cosenza. Si tratta di un investimento turistico commerciale che qui purtroppo viene criticato da alcuni oppositori, ripeto, solo per spirito di demagogia.

“Il mio indirizzo politico si ferma a questo, non appartenendo alla mia competenza né le misure né gli strumenti operativi che spettano all’ambito amministrativo. L’unica pretesa è l’assoluta regolarità degli atti. A differenza di Guccione, che ha illuso centinaia di disoccupati che ancora aspettano la “manna dal cielo” per quanto riguarda “Garanzia giovani”, io – evidenzia Mario Occhiuto – sono dedito alla politica del fare. E, riconoscendo i limiti connessi a qualsiasi azione umana, posso dire di avere sempre mantenuto gli impegni con i cittadini. Questi ultimi, per fortuna, sanno bene – conclude il Sindaco – che mentre il mio Esecutivo si impegna quotidianamente per migliorare la città e la sua ricchezza proprio a beneficio dei cosentini, qualcun altro preferisce muoversi con metodi arcaici, ovvero contrastandoci nell’ombra dei salotti romani ed esultando ad esempio se Cosenza non compare più tra le candidate a Capitale della Cultura 2018”.

Con un’ulterione precisazione Occhiuto fa presente che la ditta Med Labor di Cosenza non è l’unica ditta fornitrice. Vi è anche un’altra ditta che si è aggiudicata il bando per le luminarie ai mercatini di Natale della Villa Nuova e altre gare sono in fase di espletamento.