Ritrovato all’Unical il giovane Vinto. Fuggito per disperazione: vanta crediti da Pa

Ippolito Vinto
Ippolito Vinto

È stato ritrovato sano e salvo Ippolito Vinto, l’imprenditore edìle 35enne scomparso martedì scorso a Rende.

Il giovane è stato ritrovato stamane dal padre presso l’Università della Calabria. Ippolito è apparso in stato confusionale, ma sta bene. Ora si trova con i suoi genitori e con sua moglie.

Secondo quanto si apprende, il giovane avrebbe lasciato un biglietto d’addio alla sua famiglia spinto dalla disperazione per le sue difficoltà finanziarie dovute a dei crediti per centinaia di migliaia di euro che vanta da parte della pubblica amministrazione e da enti per i quali aveva svolto dei lavori.

Una vittima, è il caso di dire, dell’assurda, lenta e dannosa burocrazia della Pa. Non fosse stato per il tam tam in rete e l’attenzione mediatica, poteva finire anche peggio, ma l’affetto dei genitori, di parenti e amici per fortuna ha avuto la meglio.

Il giovane imprenditore, che è anche ingegnere, quella mattina non ce l’ha fatta più a sopportare questa situazione e si è rifugiato presso la zona residenziale universitaria che lui conosce bene avendo frequentato il corso di ingegneria. I familiari, padre in testa, hanno fatto un po’ di mente locale e stamane l’esito positivo che ha riempito di gioia la moglie, i genitori, amici e conoscenti.

Di lui si erano perse le tracce martedì mattina, a Roges di Rende. L’allarme era stato lanciato dalla famiglia che non riuscendo a mettersi in contatto con lui, hanno denunciato la scomparsa ai carabinieri della compagnia di Rende guidati dal capitano Sebastiano Maieli che si da subito si erano attivati nelle ricerche.