“Cresta sugli stipendi dei dipendenti”, ai domiciliari due persone

La stazione dei carabinieri di AmanteaI Carabinieri della stazione di Amantea, hanno arrestato e posto ai domiciliari due conviventi, Antonietta Spina e Giovanni De Lorenzo, ritenuti presunti responsabili del reato di truffa ai danni dello stato e di tentata estorsione.

Il provvedimento è stato emesso dal gip di Paola su richiesta della locale procura. Le due persone sono entrambi titolari della società di prodotti postali “Speed”.

Secondo l’accusa, i due, per massimizzare gli introiti avrebbero fatto la cresta sui salari dei dipendenti e cioè, costretto, “mediante minaccia”, i propri dipendenti, “a consegnare loro mensilmente il 50 percento dello stipendio, procurandosi così un ingiusto profitto”.

Abuso che sarebbe stato commesso ai danni di circa sei dipendenti della società costituita il 2007 e posta in liquidazione nel 2013. Il provvedimento restrittivo scaturisce dalla relazione della Direzione territoriale del lavoro di Cosenza, da cui sarebbe emerso che i due presunti autori del reato avrebbero “sistematicamente imposto ai propri dipendenti la restituzione di parte dell’importo corrisposto in busta paga”. Giovanni De Lorenzo, è consigliere comunale di opposizione al comune di Serra d’Aiello (Cosenza).