Metro leggera, Oliverio a Occhiuto: Basta propaganda

Occhiuto Oliverio“Per lunedì ho convocato, nella sede della Regione, un incontro con i sindaci di Cosenza e Rende e con il Presidente della Provincia di Cosenza, i tre rappresentanti delle istituzioni che nel 2009 hanno sottoscritto il protocollo con la Regione per dare il via alla progettazione e realizzazione della metropolitana Cosenza-Rende-Unical”.

E’ quanto ha affermato il Presidente della Regione, Mario Oliverio, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla polemica in atto in queste ore tra il Comune di Cosenza e la Regione in merito alla realizzazione di questa importante infrastruttura.

“La riunione di lunedì –ha aggiunto Oliverio- sarà decisiva: non sono più ammissibili dilazioni e ritardi. Mi preme ricordare che questa opera era stata già appaltata nel 2014, prima del mio insediamento alla guida della Regione.
La mia unica premura è stata quella di accelerarne la realizzazione e di garantire che il progetto fosse coerente con i massimi livelli di sostenibilità economica ed ambientale.

A tal fine, sin dal primo momento, ho ricercato il massimo coinvolgimento degli enti locali interessati.
Non ho mai pensato di agire senza o contro la volontà dei Comuni di Cosenza e di Rende. Ora basta: il tempo della propaganda è terminato. Ognuno si assuma le proprie responsabilità.

Non sono più disponibile ad assecondare atteggiamenti schizofrenici per cui, un giorno si promuove in pompa magna una intesa sulla fattibilità dell’opera, presentandola come un successo della propria iniziativa, ed il giorno dopo, senza alcuna valida spiegazione, si mette tutto in discussione.

In questi mesi, in maniera dettagliata, si è definita una intesa, accogliendo tutte le proposte e le osservazioni avanzate dai Comuni di Cosenza e di Rende.

E, per questo, è sorprendente ed inspiegabile la posizione espressa in queste ore da Mario Occhiuto”.
“Se il sindaco di Cosenza torna alle posizioni espresse in campagna elettorale e non vuole che si realizzi la metropolitana -ha concluso il Presidente della Giunta regionale- avrebbe fatto meglio ad evitare di sedersi al tavolo di confronto istituzionale con la Regione per suggerire proposte correttive alle quali, tra l’altro, abbiamo dato piena disponibilità”.