Droga per universitari, arrestati uno studente e 2 giovani ad Arcavacata

droga carabinieri rendeTre giovani domiciliati ad Arcavacata sono stati arrestati la scorsa notte dai Carabinieri della Compagnia di Rende per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Si tratta di un 19enne di Paola, aspirante ingegnere all’Unical, e due 20enni di Crotone, che lavorano in zona. I tre, che erano a bordo di un’auto vicino la zona residenziale dell’Università, nel corso di un controllo dei militari sono stati fermati e perquisiti. Durante l’ispezione, gli uomini dell’Aliquota radiomobile del Norm hanno rinvenuto 300 grammi di marijuana e un bilancino di precisione celati all’interno di due zaini.

Troppa l’erba per pensare a un uso esclusivamente personale. Insospettiti che ci potesse essere altro, i carabinieri hanno deciso di estendere la perquisizione a casa dove i tre sono domiciliati.

E quì le sorprese non sono mancate. Nell’appartamento dello studente universitario è stato infatti rinvenuto un impianto per la coltivazione di marijuana (una piccola tenda attrezzata di tutto per la produzione di “erba”; due grammi della stessa sostanza e due bilancini di precisione.

Nell’abitazione dei 20enni, coinquilini, sono invece stati trovati 30 grammi di marijuana, 2,5 grammi di cocaina, 2 grinder (uno sminuzzatore di erba) e un bilancino di precisione. La “roba” era evidentemente destinata alla fiorente piazza di spaccio sorta nei pressi del campus universitario.

I tre giovani sono stati inoltre segnalati alla Prefettura di Cosenza come assuntori di sostanze stupefacenti. La patente di guida del 19enne è stata ritirata mentre droga e gli accessori sono stati sequestrati. Al termine delle formalità di rito, i tre sono stati tradotti presso le proprie abitazioni, in regime di custodia cautelare domiciliare dove restano in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.