Il ministro De Vincenti a Cosenza per le reti di impresa e start up

De Vincenti camera commercio Cs
da sinistra la parlamentare Covello, il ministro De Vincenti, il presidente Algieri e il prefetto Tomao

Le reti d’impresa si aprono alle start-up innovative per uno scambio virtuoso di competenze digitali e know-how imprenditoriale, in modo da superare lo storico limite dimensionale delle PMI italiane. Questo il tema centrale della tavola rotonda organizzata oggi dalla Camera di Commercio di Cosenza, nel corso della quale si è dato ufficialmente il via all’ufficio stipule dell’Ente camerale.

Hanno preso parte ai lavori il Presidente della Camera di Commercio, Klaus Algieri, il Dirigente MISE, Marco Maceroni e il Consigliere di Stato, Giulio Veltri. Ha concluso l’incontro il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti.

Nel corso di questa quinta tavola rotonda, come al solito molto partecipata dalle imprese, si sono affrontati non solo gli aspetti normativi e giuridici dell’argomento ma, approfittando della presenza del Ministro De Vincenti, anche temi strutturali di fondamentale interesse per lo sviluppo del territorio, come la necessità di non lasciare inutilizzate le preziose risorse finanziarie già disponibili e di sbloccare finalmente realizzazioni strategiche quali il mega lotto SS106 tratto Roseto-Sibari, il mega-lotto SS106 Sibari-Cariati e lo sfruttamento del Porto di Corigliano Calabro.

Con riferimento a quest’ultimo, in particolar modo, il Presidente Algieri ha chiesto al Ministro di valutare un’auspicabile estensione della ZES di Gioia Tauro, la cui istituzione è prevista entro dicembre 2017, anche all’area del porto di Corigliano Calabro.

Il Ministro De Vincenti ha espresso condivisione rispetto alle valutazioni del Presidente Algieri circa la necessità di semplificare i processi di utilizzazione delle risorse finanziarie di fatto già disponibili per il territorio, come unica vera leva di sblocco di un contesto economico altrimenti ingessato, e ha raccolto positivamente la richiesta riguardante l’area del porto di Corigliano Calabro. L’iniziativa di ieri rientra tra gli eventi previsti per la nona edizione della Settimana Europea delle PMI volta alla promozione dello spirito imprenditoriale.