Ballottaggi in Calabria, 4 comuni al voto. Fari puntati su Catanzaro

Elezioni, oltre 400mila alle urne per le comunali in CalabriaSono quattro i comuni calabresi chiamati al turno di ballottaggio, oggi, per la scelta del sindaco, dopo il primo turno delle amministrative. Alle urne andrà il capoluogo di regione, Catanzaro, con i candidati Sergio Abramo, per il centrodestra, e Vincenzo Ciconte, centrosinistra. Abramo, sindaco uscente, ha ottenuto al primo turno il 39,72 per cento con 21,055 voti, Ciconte si è fermato al 31,04 per cento con 16.453 voti. Fondamentali i voti dei due sconfitti nella tornata dell’11 giugno scorso: Bianca Laura Granata, candidata del Movimento 5 Stelle, che ha ottenuto il 6 per cento con 3.181 voti e, soprattutto Nicola Fiorita, docente universitario sostenuto da tre liste civiche e che ha conquistato il 23,22 per cento con 12.311 voti. Nessuno dei due candidati ha stretto apparentamenti con gli esclusi, nonostante l’appello rivolto da Ciconte al candidato sindaco Fiorita.

Nel cosentino, urne aperte ad Acri e Paola. Pel primo centro Pino Capalbo, candidato di una coalizione di centrosinistra, ha riportato al primo turno il 49,30 per cento dei voti. Il suo avversario è Anna Vigliaturo, candidata da una coalizione civica che comprende l’Unione di centro che lo scorso 11 giugno ha conquistato il 20,77 per cento. L’eventuale vittoria di Vigliaturo porterà in Consiglio comunale Angelo Cofone, noto dopo il suo comizio tra incertezze e cadenze dialettali.

A Paola partita aperta tra Roberto Perrotta, coalizione di centrosinistra, che ha ottenuto il 39,71 per cento, e Basilio Ferrari, coalizione civica di centrodestra, che ha ottenuto il 28,80 per cento.

Infine, nel reggino, scontro aperto a Palmi, dove al ballottaggio hanno avuto accesso Giuseppe Ranuccio (coalizione civica) con il 34,33 per cento e Francesco Trentinella (Coalizione Civica) con il 15,85 per cento.