Strage sull’A2, i morti salgono a 4. Distrutta una famiglia

incidente in galleriaUna strage, quella di stamane sull’autostrada A2 del Mediterraneo, nel cosentino, Il bilancio è drammatico: 4 morti, tra cui un bambino di 8 anni. I feriti sono tre, di cui una abbastanza grave: sono ricoverati in rianimazione all’ospedale Annunziata di Cosenza.

L’impatto frontale è avvenuto nella galleria Jannello, nel tratto compreso tra Laino Borgo e Mormanno, terminale dell’arteria tra Calabria e Basilicata. Il tunnel è interessato da lavori Anas dov’è imposto il doppio senso di marcia su una sola corsia.

A dicembre c’era stata l’inaugurazione in pompa magna durante la quale era stato assicurato che non vi sarebbero stati più cantieri e interruzioni. Leggi “L’inaugurazione farsa di Delrio, Armani e Oliverio”.

Nell’incidente sono state coinvolte due auto, una Renault e una Suzuky. Sulla prima viaggiava un’intera famiglia di 5 persone: marito, moglie e tre figli residenti a Pomigliano d’Arco (Napoli).

Le vittime di questa auto sono Raffaele La Rocca, di 40 anni e il figlio Luigi, di 8 anni. La moglie e madre delle due vittime, Antonietta Dentino, di 37 anni, è ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale di Cosenza mentre le altre due figlie della coppia, una di quattro anni e l’altra di 12, sono anche loro ricoverate a Cosenza. Le loro condizioni sarebbero meno gravi della madre.

Le altre due persone decedute viaggiavano sulla Suzuky. Si tratta di Santo Moschella, di 85 anni, ed Olga Brancone, di 83, residenti a Genova. Con loro pare non vi fossero altre persone.

Al momento non si conosce l’esatta dinamica del grave sinistro. La procura di Castrovillari guidata dal procuratore Eugenio Facciolla ha aperto una inchiesta per accertare eventuali responsabilità.