Tentata violenza sessuale nel Cosentino, in carcere marocchino

 carabinieriUn clandestino ventiseienne di origini marocchine, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria e condotto in carcere a Castrovillari con l’accusa di tentata violenza sessuale. L’episodio è successo nel tardo pomeriggio di lunedì 31 luglio a Terranova da Sibari (Cosenza).

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri del posto, che hanno eseguito l’arresto, una donna 25enne di nazionalità bulgara stava camminando lungo una strada di Terranova in cerca di una casa dove poter alloggiare, quando l’immigrato, suo conoscente, l’avrebbe avvicinata e condotta presso un’abitazione disabitata dove avrebbe cercato di violentarla.

La donna è riuscita a divincolarsi e a fuggire, denunciando subito l’accaduto ai carabinieri della Stazione di Terranova da Sibari. I militari, unitamente ai colleghi dell’aliquota operativa della compagnia di San Marco Argentano si sono subito attivati nelle ricerche.

Nel corso di un sopralluogo nella casa dove si sarebbe consumata la tentata violenza,  i militari hanno rinvenuto gli abiti strappati del presunto aggressore. Al ventiseienne si è risaliti mediante testimonianze e attraverso la dettagliata descrizione della donna.

Gli uomini in divisa lo hanno rintracciato e, dopo l’identificazione, è stato condotto in carcere dove rimane in attesa delle determinazioni della magistratura.