Sequestrati oltre due quintali di pesce

La Guardia di Finanza di Montegiordano (CS) nell’ambito dei controlli effettuati su mezzi e persone in transito sulla Strada Statale 106 Jonica, ha sottoposto a sequestro 210 kg di prodotto ittico in cattivo stato di conservazione.

L’intero carico di pesce era nascosto all’interno di grossi sacchi di propilene, privi di ghiaccio e di cella refrigerante, e trasportato a bordo di un furgone anch’esso privo della prescritta autorizzazione sanitaria al trasporto.

Il servizio veterinario dell’A.S.P. di Cosenza, appositamente interessato, ha
confermato l’inidoneità al consumo umano del prodotto ittico e quindi la sua
pericolosità. Per tale motivo l’intero carico di pesce costituito da seppie, polpi, spigole e filetti di pangasio è stato sequestrato e successivamente distrutto.

Violando la disciplina della vendita di sostanze alimentari, il conducente ed il
passeggero del mezzo sono stati denunciati alla Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Castrovillari e rischiano l’arresto fino ad un anno e una sanzione fino a 30.000 euro. L’attività svolta si inquadra in un più ampio dispositivo in materia di sicurezza alimentare predisposto dalla Guardia di Finanza a tutela dell’incolumità e della
salute pubblica.