Controlli antidroga dei Carabinieri nelle scuole di Petilia Policastro

Un militare con un cane antidroga ispeziona un'aula a Petilia Policastro
Un militare con un cane antidroga ispeziona un’aula a Petilia Policastro
I Carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro hanno effettuato una serie di controlli antidroga negli istituti scolastici come forma di prevenzione e sensibilizzazione sociale. L’attività, svolta con un cane antidroga, si è svolta fuori e dentro dagli istituti con ispezione di aule ma senza studenti, fatti uscire dai dirigenti per consentire i controlli.

Da tempo, i plessi, non solo del crotonese, ma calabresi, sono la “piazza” ideale per spacciatori di ogni specie che vendono la roba a ignari ragazzini. Resta pertanto costante l’esigenza dei militari di sensibilizzare i giovani al concetto di legalità, soprattutto nei principali luoghi di ritrovo o nelle aree in cui se ne promuove educazione e cultura.

In tale ottica, sono stati intensificati i servizi di prevenzione e contrasto allo spaccio di stupefacenti tra i giovani e negli istituti scolastici da parte dei Carabinieri di Petilia Policastro coadiuvati dal personale del nucleo cinofili di Vibo Valentia.

I militari del locale Comando Compagnia hanno eseguito un servizio straordinario finalizzato a prevenire, ed eventualmente reprimere, il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti tra i giovani e gli studenti degli istituti scolastici del Liceo Scientifico e dell’Istituto Professionale Industria e Artigianato di Petilia Policastro e della Scuola Media di Roccabernarda.

L’attività preventiva svolta, come auspicato, ha consentito di verificare che nella disponibilità dei ragazzi, negli istituti scolastici sottoposti al setaccio dai Carabinieri, non fossero state rinvenute tracce di sostanze stupefacenti.

In ambito preventivo e di controllo del territorio inoltre, nella stessa mattinata, venivano identificate 30 persone, di cui 4 soggetti d’interesse operativo e controllati 28 veicoli effettuando 3 perquisizioni personali ed una locale, elevando 2 infrazioni al codice della strada e ritirando una carta di circolazione.

Nel medesimo contesto operativo, non sono comunque mancati risultati operativi sotto il profilo repressivo poiché, nella stessa mattinata, il Nucleo Operativo e Radiomobile di Petilia Policastro ha denunciato all’Autorità Giudiziaria un uomo del ’63 che, a seguito di una perquisizione presso la propria abitazione, veniva trovato in possesso di diverse cartucce illecitamente detenute ed un ragazzo dell’89 sorpreso a bordo del proprio autocarro con un tagliando di revisione falso. I due risponderanno di detenzione illecita di munizionamento e di falsità materiale commessa dal privato.

A Santa Severina, i militari della locale stazione hanno invece è denunciato un crotonese di 32 anni per raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi. L’uomo è stato sorpreso all’interno di un cortile di proprietà della madre, ed utilizzato dallo stesso per accantonare lavatrici, lavastoviglie e vari elettrodomestici, mentre esercitava abusivamente un’ attività di raccolta, trasporto e commercio di rifiuti in mancanza delle prescritti autorizzazioni. L’uomo rischia la pena dell’arresto da sei mesi a due anni e l’ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro, poiché trattasi di rifiuti ritenuti “pericolosi”.

Condividi