Il Crotone batte l’Inter e spera in un passo falso dell’Empoli

Crotone Inter 2-1
Crotone Inter 2-1 (immagine da fccrotone.it)

Si riaccendono le speranze di salvezza del Crotone che allo Scida ha battuto l’Inter per 2-1 e recupera tre punti importantissimi sulla strada della permanenza di serie A. La squadra di Davide Nicola con 20 punti, a tre di distacco dall’Empoli, resta sempre al terz’ultimo posto ma può sognare lo storico sorpasso in basso alla classifica.

All’Ezio Scida va di scena un buon Crotone che trova il successo grazie a Diego Falcinelli, autore di una doppietta, che segna la prima rete su rigore (18′ pt su mani di Medel) e la seconda cinque minuti più tardi su assist di Trotta.

Al 20′ della ripresa su un’azione da corner, D’Ambrosio interviene all’altezza del secondo palo e insacca da pochi passi. Ma non basta per l’Inter di Pioli che torna a Milano con la testa alla Fiorentina che la tallona a tre punti.

Adesso la squadra pitagorica guarda alla sfida di sabato 15 aprile col Torino con un occhio a Firenze, dove i gigliati ospitano l’Empoli che ne ha due fuori casa (Fiorentina e Milan) come il Crotone che nella 33/ma giornata va a Genova con la Samp). Un passo falso della squadra toscana potrebbe dare a Nicola e ai suoi giocatori la possibilità del gran sorpasso e sperare davvero nella salvezza in un girone di ritorno, in questo scorcio, favorevole. Alla fine del campionato mancano 7 partite.

“La corsa salvezza? Noi abbiamo un calendario molto impegnativo ma siamo nella condizione di rispettare quello che si siamo detti: a noi interessa essere competitivi fino alla fine con un sogno in fondo al cuore. Siamo molto contenti per questa vittoria ma a noi interessa l’obiettivo finale e per arrivarci dovremo fare qualcosa di straordinario”.

L’allenatore del Crotone Davide Nicola crede nella salvezza (ora la sua squadra a -3 dall’Empoli, con cui è in vantaggio nei confronti diretti), e non nasconde la propria soddisfazione per il successo di oggi sull’Inter. “Non ho voluto guardare il rigore di Falcinelli? – dice ancora – Sono andato a prendere le caramelle per la gola perché durante le gare urlo troppo e mi manca sempre la voce. E ho approfittato di quella pausa”.

Oggi Nicola, che in caso di salvezza ha promesso di andare in bicicletta da Crotone a Torino, è stato anche espulso. “E’ vero – dice -, ma chi mi conosce sa che non sono un maleducato. Però sono un po’ focoso, esco spesso dall’area tecnica”.

LE FORMAZIONI
CROTONE: Cordaz; Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella; Rohden (67′ Sampirisi), Barberis (75′ Capezzi), Crisetig, Stoian; Trotta (73′ Acosty)Falcinelli. A disp: Festa, Viscovo, Dussenne, Claiton, Sulijc, Nalini, Kotnik, Mesbah, Simy. All. Nicola

INTER: Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo (46′ Palacio), Ansaldi (46′ Eder); Medel, Kondogbia (81′ Joao Mario); Candreva, Banega, Perisic; Icardi. A disp: Carrizo, Andreolli, Sainsbury, Santon, Nagatomo, Brozovic, Biabiany, Barbosa. All. Pioli

Arbitro: Guida di Torre Annunziata
Reti: 18′ su rigore e 22′ Falcinelli (C), 65′ D’Ambrosio (I)
Ammoniti: Martella (C), Palacio (I), Ceccherini (C), Banega (I), Capezzi (C)