Il Crotone resta in corsa. Cosa succede in caso di parità con l’Empoli

I giocatori del Crotone a fine gara Juve
I giocatori del Crotone a fine gara con la Juventus (Fc Crotone)

Nonostante la sconfitta a Torino contro la Juventus, che conquista il sesto titolo consecutivo, il Crotone di Davide Nicola può sperare ancora nella salvezza grazie alla vittoria dell’Atalanta a Empoli. Il Genoa con la vittoria sul Toro si salva e lascia solo a calabresi e toscani l’amara competizione.

Il Crotone nell’ultima partita (la 38/ma) incontrerà allo Scida la Lazio a cui non servono punti, mentre l’Empoli andrà a Palermo, squadra già retrocessa in serie B e che non ha ormai nulla da perdere; i siciliani possono riservare sorprese come già fecero un mese fa vincendo (da retrocessa) contro la Fiorentina o col Genoa domenica scorsa.

La squadra di Nicola è a 31 punti, mentre il team di Martusciello a 32. Per restare nella massima categoria ai pitagorici servono in ogni caso tre punti pieni, sempre che i toscani perdano o al massimo pareggino. In caso di vittoria di entrambe le squadre, il Crotone finisce in B.

Ma cosa succede in caso di parità? Nel caso in cui l’Empoli esce sconfitta con il Palermo e il Crotone pareggia con la Lazio entrambe le squadre vanno a pari punti. E qui scattano una serie di fattori in larga parte favorevoli al Crotone. In primis, si valutano gli scontri diretti tra le due club. Lo scorso 10 settembre 2016 l’Empoli vinse in casa sul Crotone 2-1, ma al ritorno del 29 gennaio 2017, all’Ezio Scida, i rossoblù si affermarono per 4-1. Quindi la differenza reti negli scontri diretti è favorevole al Crotone.

Per goal fatti e subiti, ad oggi, la squadra di Nicola ha la migliore differenza reti in generale: -26 contro i -31 dell’Empoli. I calabresi hanno fatto 31 goal subendone 57, mentre i toscani fatti 28 reti fatte e 59 subite. Quindi, in caso di pari, il Crotone resta in serie A e l’Empoli retrocede in B.