‘Ndrangheta, “Guardiano” per la cosca Alvaro: 4 arresti FOTO/VIDEO

Da sinistra Antonio Alvaro, Nicola Alvaro e Natale Cutrì
Da sinistra Antonio Alvaro, Nicola Alvaro e Natale Cutrì

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, su ordine della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia hanno arrestato quattro persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Il provvedimento è stato eseguito in esecuzione all’ordinanza di custodia Cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria. Si tratta di Nicola Alvaro, 70 anni, di Sinopoli (già detenuto a Lanciano); Grazia Violi, 68 anni, di San Procopio (Rc); Antonio Alvaro, 46 anni, di Sinopoli (Rc) e Natale Cutrì, 48 anni, di Taurianova (Rc).

Le indagini, avviate dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri reggini sin dal ottobre 2015 e che si sono avvalse anche delle propalazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, hanno permesso di acclarare l’appartenenza di uno degli indagati, con ruolo di vertice, ad un’associazione di tipo ‘ndranghetista nella sua articolazione territoriale denominata cosca Alvaro di Sinopoli ramo “carni ‘i cani” nonché di far luce sul “sistema della guardiania”, diffusamente applicato dalla criminalità organizzata nei territori di “competenza”, quale “tassa” extra ordinem nei confronti di chi a qualsiasi titolo disponga di possidenze potenzialmente produttive di reddito.

VIDEO

In taluni casi, anche grazie alla collaborazione di alcune vittime dell’attività estorsiva, è stata accertata finanche la “spoliazione” della proprietà subita dalle stesse, costrette a vendere i propri fondi a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato.

Nella circostanza, sono stati sottoposti a sequestro preventivo i fondi illecitamente sottratti, ritenuti prodotto di attività estorsiva, per una superficie complessiva di oltre 55 ettari, per un valore stimato in euro 1,5 milioni circa.