Assenteismo, 24 misure cautelari a Oppido Mamertina. FOTO/VIDEO

Assenteismo, 24 misure cautelari nel Reggino
Un frame del video dei Carabinieri

REGGIO CALABRIA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito 24 misure cautelari per assenteismo nel Reggino, in particolare nel comune di Oppido Mamertina

Quattro persone vanno ai domiciliari mentre 20 sono i destinatari di obblighi della presentazione alla polizia giudiziaria. I provvedimenti sono stati emessi dal gip su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi.

Le accuse, a vario titolo, sono concorso in false attestazioni, con modalità fraudolenta, della presenza in servizio e truffa aggravata e continuata in danno dell’Ente Pubblico di appartenenza, nello specifico il Comune di Oppido Mamertina (Reggio Calabria).

“Le investigazioni – spiega una nota della Procura di Palmi – hanno accertato la piena responsabilità di tutti gli indagati, i quali attestavano falsamente, con modalità fraudolenta, la presenza in servizio e, con più condotte esecutive di un medesimo disegno criminoso, violando i doveri inerenti alla loro qualità di dipendenti del comune, omettevano di prestare servizio e facevano risultare fittiziamente la loro presenza in ufficio eludevano del tutto la prestazione di lavoro e così conseguendo l’ingiusto profitto della relativa e non dovuta retribuzione, con pari danno per l’Ente Pubblico”.

Badge express. Operazione dei Carabinieri contro Assenteismo a Oppido

L’attività d’indagine trae origine da un’attività di controllo iniziata nel mese di novembre del 2015, allorquando militari della Stazione di Oppido Mamertina rilevavano che alcuni dipendenti di quel Comune, nella fascia oraria in cui avrebbero dovuto trovarsi in servizio, si allontanavano dal luogo di lavoro e venivano notati in diverse zone della cittadina.

Tale assunto trovava conferma nei successivi servizi perlustrativi del territorio operati dai Carabinieri della locale Stazione che avvaloravano l’esistenza di un allarmante fenomeno di assenteismo, che si manifestava in maniera più accentuata in particolare nella giornata del martedì allorquando si tiene il mercato settimanale.

VIDEO DELL’OPERAZIONE BADGE EXPRESS

Tali primi risultati venivano refertati alla Procura, sotto il cui coordinamento, si proseguiva l’attività d’indagine anche con l’ausilio di attività tecniche. In particolare, per meglio documentare il fenomeno, veniva installato un sistema di videosorveglianza che permetteva di monitorare la macchinetta marcatempo e gli ingressi del Palazzo Comunale.

Le videoriprese, protrattesi per un arco temporale ritenuto idoneo a dimostrare la reiterazione delle condotte delittuose – circa tre mesi – hanno consentito di individuare e ricostruire un fenomeno di malcostume messo in atto con modalità estremamente disinvolte, prescelte dagli indagati per poter eludere l’adempimento dei doveri nascenti dal rapporto di lavoro dipendente della detta Amministrazione, concretizzatosi nell’utilizzo improprio da parte di alcuni dipendenti comunali dei badge per il rilevamento delle presenze lavorative, con conseguente danno per l’amministrazione di appartenenza e relative violazioni di carattere penale e nell’allontanamento volontario da parte degli stessi dipendenti dagli uffici comunali – ed in genere dal luogo di lavoro – senza che tali assenze venissero attestate dalla timbratura del badge, da un permesso o da autorizzazioni dei dirigenti comunali.

L’attività investigativa ha, quindi, consentito di verificare come molti degli indagati si assentassero sistematicamente dal luogo di lavoro, attestandone (o alcuni, più gravemente, facendone da altri attestare), per il tramite della timbratura del cartellino segna tempo, la loro presenza all’interno dello stesso, da cui in verità si allontanavano senza regolare permesso, così facendo risultare integralmente osservato l’orario di lavoro quotidiano che in realtà non lo era mai, e conseguentemente percependo indebitamente un ingiusto profitto consistente nella ordinaria retribuzione per l’intero orario lavorativo.

I Carabinieri hanno così potuto documentare ogni movimento, spostamenti, entrate, uscite dei dipendenti comunali e, con appositi servizi di osservazione e pedinamento, monitorare le attività svolte durante l’orario di servizio al di fuori dell’ufficio.

Nel corso di tali controlli effettuati nei pressi degli uffici comunali e per le vie di Oppido Mamertina i Carabinieri hanno documentato in primo luogo la presenza, in orari di lavoro, nelle piazze e nelle vie adiacenti i detti uffici, di numerosi dipendenti comprovando in tal modo ictu oculi l’allontanamento pressoché quotidiano dagli uffici di dipendenti che, senza far risultare l’assenza attraverso marcatura dei cartellini, si aggiravano per negozi, facevano la spesa al mercato, erano impegnati in attività di pulizia domestica o si intrattenevano con conoscenti ed amici per le piazze e strade cittadine.

Da ultimo, si acquisiva tutta la documentazione relativa ai dipendenti comunali, elenco delle timbrature, fogli firma, certificati di malattia, permessi ed ogni altro documento utile a verificare la posizione lavorativa di ogni singolo dipendente, confrontandola con le risultanze investigative acquisite.