Rosarno, apre la porta e viene freddato. Ucciso Antonio Scarfone

Apre la porta e viene freddato. Ucciso Antonio Scarfone
Nel riquadro la vittima, Antonio Scarfone

Un commerciante di 49 anni, Antonio Scarfone, è stato ucciso a Rosarno mentre si trovava sulla porta di casa della madre. L’omicidio è accaduto nella tarda serata della vigilia di Ferragosto, ma se n’é avuta notizia soltanto martedì 16.

Scarfone si trovava a casa della madre, ha sentito suonare alla porta e ha aperto. A qual punto una persona appostata sulla soglia lo ha freddato con due colpi di pistola, uno alla testa ed uno ad un fianco.

Sull’omicidio indagano i carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro e del Reperto operativo del Comando provinciale di Reggio Calabria. Secondo quanto è emerso dalle prime indagini, il movente del’omicidio non sarebbe legato a fatti di criminalità organizzata, anche se non si esclude nessuna ipotesi. La vittima era già nota alle forze dell’Ordine.

Il fatto che Scarfone abbia aperto la porta di casa dimostra, tra l’altro, che il commerciante conosceva il suo assassino e non si è minimamente insospettito.

Condividi