Abusi su 13enne a Melito, indagati un poliziotto e un infermiere

arrestati per violenza sessuale a Melito Porto Salvo
Gli indagati di Melito Porto Salvo. Da sinistra in alto: Giovanni Iamonte, Davide Schimizzi, Pasquale Principato, Daniele Benedetto, Lorenzo Tripodi, Michele Nucera e Antonio Verduci 

Ci sono due nuovi indagati nell’inchiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria sul caso della minorenne violentata per due anni dal “branco”, sin da quando aveva 13 anni, a Melito Porto Salvo.

Si tratta di un poliziotto in servizio a Monza, Antonino Schimizzi, fratello di uno degli arrestati, Davide, e di un infermiere, Giacomo Iachino.

Ai due, così come agli altri nove indagati (otto agli arresti ed uno sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria) è stato notificato dai carabinieri un avviso di incidente probatorio che vale anche come avviso di garanzia.

Il poliziotto Antonino Schimizzi e l’infermiere sono accusati di violenza sessuale. In particolare, l’agente avrebbe avuto un rapporto sessuale con la ragazza che lei ha definito consenziente.

Condividi