Terremoto in Valnerina: “Ussina è finita”. Crolli e feriti. Notte all’aperto per migliaia

Terremoto in Valnerina. Sindaco: "Ussina è finita". Crolli dappertutto
La Chiesa crollata vicino Norcia (umbria24.it)

Ci sono feriti e crolli. Al momento non si registrano vittime. L’ultima potente scossa di terremoto di magnitudo del 5.9 della scala Richter, che ha colpito molti piccoli centri del maceratese, ha però generato molta paura. La gente dorme in strada. Il capo della protezione civile Fabrizio Curcio ha detto che i danni sono “importanti”. 

L’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) sta registrando un continuo e intenso sciame sismico nella Valnerina con scosse di magnitudo variabili tra il 2.6 e 4.6.  

Il Sindaco Ussita, il nostro paese è finito – “Sono crollate parecchie case. Il nostro paese è finito”. Lo ha detto il sindaco di Ussita (Macerata), Giuliano Rinaldi, a Skytg24, in relazione all’ultima e più forte scossa di terremoto. Il sindaco ha affermato che “è crollata anche la facciata della chiesa” e che si è “spaccato il terreno. La frazione di Casali non la possiamo raggiungere”.

E’ buio pesto. Nei comuni e nelle frazioni interessate tra Umbria e Marche (colpite duramente le province di Macerata e Perugia) Protezione e volontari stanno cercando di raggiungere i luoghi colpiti dal sisma. Al momento non si conoscono le entità dei danni alle persone. Vi sono certamente dei feriti. Forse ci sono vittime. L’orario della prima serata ha consentito a molti di scendere in strada in tempo. Se fosse successo come ad agosto sarebbe potuto essere un’altra tragedia nazionale. Crolli si registrano anche negli altri comuni che sono al momento isolati, senz’acqua e senza elettricità.

Crollata una Chiesa nella frazione Campi del Comune di Norcia. La Curia ha riferito ufficialmente che la struttura è crollata ed è rimasto in piedi solo un pezzo di abside. Anche il rosone della basilica di Sant’Eutizio a Preci (comune di circa 750 abitanti) è venuto giù. Il sindaco di Norcia Nicola Alemanno dal Centro operativo comunale rende noto che “si sta procedendo alla riapertura del Palatennis che nei giorni seguenti il sisma del 24 agosto è stato adibito a dormitorio ospitando finoa 200 persone”. Un’altra chiesa sarebbe compromessa a Camerino.

“Sisma legato a quello del 24 agosto” –  L’epicentro del terremoto è stato localizzato in Valnerina, nella zona compresa tra Perugia e Macerata. Il centro più vicino – secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – è Castelsantangelo sul Nera. Secondo Alessandro Amato dell’Ingv “questo sisma è in qualche modo legato a quello del 24 agosto ad Amatrice. Si trova infatti nell’area già attiva. Probabilmente si tratta dell’attivazione di una nuova faglia”. “Il terremoto di oggi ha perturbato ulteriormente il volume crostale – ha aggiunto il sismologo Massimo Cocco -. Nelle prossime ore sono possibili altre scosse perché quelle del sisma di oggi potrebbero sommarsi a quelle del proseguimento della perturbazione del 24 agosto”.