Solo i settantenni possono permettersi viaggi e vacanze. Hanno pensioni e soldi da parte

Se il turismo in Europa vorrà riscattarsi, dovrà farlo ripartendo dai piu’ anziani, gli over 65enni, gli unici che, in questi anni di grave crisi economica mondiale, hanno continuato a spendere per i viaggi e, anzi, tra il 2006 e il 2011, hanno speso piu’ denaro del passato. E’ quanto si evince da una ricerca di Eurostat su ‘Industria lavoro e servizi. La popolazione e le sue condizioni sociali’, secondo la quale gli over 65enni sono gli unici ad avere tempo libero e capacita’ di acquisto e dunque il turismo deve puntare su questa fascia di popolazione, venendo innanzitutto incontro alle sue esigenze. E dunque tra il 2006 e il 2011, rivela Eurostat – con il settore turistico e non solo attraversato da una profonda crisi – il segmento degli ultra 65enni ha contribuito significativamente alla salvezza del settore: mentre infatti le altre fasce di popolazione hanno ridotto i propri viaggi, nel 2011 ha viaggiato un 10% di anziani in piu’ rispetto al 2006. Non solo: nel 2011 gli over 65 hanno fatto il 29% in piu’ di viaggi rispetto a cinque anni prima e hanno trascorso il 23% in piu’ di notti fuori casa per motivi turistici. Le loro spese, poi, sono cresciute del 33% e hanno rappresentato il 20% di tutte le spese dei viaggiatori europei (nel 2006 le spese del ‘segmento anziano’ erano pari al 15%). Guardando poi a coloro che hanno trascorso almeno 4 notti fuori casa per motivi di turismo lo scorso anno, solo la categoria degli ultra 65enni ha trascorso piu’ notti fuori nel 2011 rispetto al 2006: lo scorso anno la percentuale di questi turisti over 65enni e’ stata del 17% contro il 15% del 2006. I turisti di eta’ avanzata, inoltre, fanno in media piu’ viaggi lunghi e per un numero maggiore di giorni rispetto alle altre classi di eta’: nel 2011 hanno trascorso infatti 26,1 notti fuori casa contro il resto della popolazione che, per viaggi lunghi, ne ha trascorse 21.2. In generale, anche la durata media della loro vacanza e’ maggiore: gli ultra 65enni trascorrono fuori casa una media di 11 notti contro le 9.8 delle altre fasce di popolazione. Nel 2011 per i viaggi di lunga durata gli over 65enni hanno speso 1.344 euro a testa mentre le altre fasce d’eta’ ne hanno spesi 1.203; in particolare, mentre la spesa del segmento di eta’ compreso tra i 45 e i 64 anni e’ rimasto stabile, e’ caduta verticalmente la spesa della popolazione d’eta’ compresa tra i 25 e i 44 anni. La spesa media per viaggio, per gli over 65 e’ invece di 401 per i viaggi domestici e di 934 euro per quelli all’estero. Nel 2011 la popolazione residente in Europa ha effettuato 473 milioni di viaggi di 4 o piu’ notti; 91 milioni di questi riguardavano over 65 anni, 59 milioni effettuati negli Stati membri di appartenenza e 32 milioni all’estero. Infine lo studio di Eurostat ricorda che nel 2060 la popolazione europea con piu’ di 65 anni sara’ pari al 30% del totale, costituendo quasi un terso della popolazione dell’Ue: si trattera’ di anziani in buona salute e che con tutta probabilita’ viaggeranno piu’ delle generazioni che li hanno preceduti. Come a dire: e’ a loro bisogna puntare”. Per i giovani non vi sarà nessuna possibilità di replicare i loro nonni. Disoccupati o precari con la loro misera pensione potranno al massimo comprarsi il pane, altro che vacanze!

Condividi