«Oggi gita in campagna». Lezioni a luci rosse di due belle Prof.

Due professoresse aretine davano ripassi a luci rosse ai loro alunni - (photo immaginarie)Con la scusa di fare un ripasso di cultura, storia e geografia, due attraenti professoresse liceali davano appuntamento ad alcuni alunni in un casolare isolato nelle campagne di Arezzo per dare loro “lezioni a luci rosse”. Protagoniste dell’insolita hard story, due giovani insegnanti sui 40 anni di una scuola aretina.

Insegnati e lezioni erotiche a scuolaA scoprire i pomeriggi “sexi” delle prof. è stata un’agenzia investigativa privata che si è attivata dopo la denuncia del marito di una delle prof. preoccupato per le costanti e frequenti assenze della mogliettina.

L’escamotage dalle due donne per invitare gli alunni “ripetenti” al dopo scuola “erotico” sulle colline toscane, era architettato con un Sms criptato destinato a quanti riuscivano a interpretarne il senso:

Insegnati e giochi erotici in campagna«Oggi gita in campagna», e i ragazzi capivano al volo che quella “gita in campagna” era una lezione spinta di “scienze naturali…” svolte nei sentieri del piacere tra carezze, baci e amplessi condivisi. Nulla di penalmente rilevante, ma lo scalpore nella città dell’affascinante ministra Maria Elena Boschi è tanto quanto l’imbarazzo. Secondo il Quotidiano Nazionale, gli incontri altro non erano che per fare “giochi erotici collettivi”.

Insegnati e giochi erotici in campagnaCinque o sei ragazzi, tutti maggiorenni, pare seguissero con molta attenzione le lezioni in classe. Tra spiegazioni e chiamate alla lavagna l’adrenalina degli alunni saliva alle stelle, attratti dalle “sirene” che non risparmiavano sguardi ammiccanti, occhiolini e ogni gesto possibile per lanciare messaggi sensuali.

Tutto ricambiato, dentro e fuori il circuito scolastico. Perché le due seduttrici frequentavano i giovani anche nei pomeriggi dopo scuola in aperta campagna per fare esplorare ai ragazzi i misteri della natura con approfondimenti sui temi dell’eros.

Insegnati e giochi erotici in campagnaInviti formulati via sms, forse via Social nelle bollenti chat private. Gite scolastiche istruttive, evidentemente. Le due colleghe sembra fossero solite dare frequenti appuntamenti per passare qualche oretta di svago dopo ore e ore di noiose e monotone ripetizioni a scuola.

Storie di passione durate forse qualche anno tra le due focose prof. e i ragazzi. Finché il marito di una delle due insegnanti, sposata con figli, sospetta l’ombra del tradimento e comincia a chiedersi: “Possibile che il lavoro a scuola di mia moglie dura tutta la giornata?”. Da qui l’incarico ad un’agenzia investigativa privata, la “Ombra” di Arezzo, che alcuni mesi fa porta alla luce una storia incredibile i cui risvolti sono ancora tutti da chiarire.

la-professoressa-di-scienze-naturaliIl coniuge agli 007 privati spiega di aver notato un cambiamento nella donna, sempre affaticata, annoiata nei rapporti di coppia e sempre più distaccata. Di qui la decisione di farla seguire per carpire movimenti e individuare eventuali amanti. “Gli investigatori – racconta il giornale – non impiegano molto tempo per capire quello che accadeva”.

Gloria Guida ne La licealeIn un paio di settimane di appostamenti e pedinamenti scoprono che la bella prof. insieme a una collega aveva affittato una casolare nella campagna aretina per intrattenersi con i ragazzi vogliosi di apprendere nuove nozioni teoriche e pratiche…

Pierino non perdonaViene alla luce una storia stile commedia sexy anni ’70/80, con studenti invaghiti da sensuali supplenti come quelle note tra Alvaro Vitali, al secolo Pierino e la sexissima Edwige Fenech ma a ruoli invertiti, con le prof che erano impazzite per i giovani.

La prof. Fenech Vitali MontagnaniAnche se non è dato sapere se i pomeriggi fuori porta influissero nel rendimento scolastico degli alunni. “Di sicuro hanno pesato nel matrimonio di una delle insegnanti coinvolte. E data la situazione, l’agenzia incaricata dell’indagine, al momento di riferirne l’esito, ha anche chiamato uno psicologo in aiuto del marito”.

“Mica capita tutti i giorni di ritrovarsi con la moglie nei panni di una sexy-star di provincia, anzi di scuola superiore. Come ai tempi in cui generazioni di adolescenti sognavano con Edwige Fenech o Gloria Guida”. Una storia degna dell’attenzione di produttori cinematografici alla Brass che potrebbero montare un bel set nelle misteriose ed erotiche campagne aretine.

Rispondi