Ecco le intercettazioni di Mafia Capitale. E Poletti e Marino incontrarono il boss

Intercettazioni buzziDalle intercettazioni dei Ros, la cui operazione “Mondo di Mezzo” ha portato all’arresto di 37 persone per presunta associazione a delinquere di tipo mafioso, emerge il “modus operandi” dell’associazione, facente capo a Massimo Carminati che avrebbe avuto in Salvatore Buzzi il “braccio imprenditoriale”.

Salvatore Buzzi, 59 anni proviene dall’estrema sinistra, ma la sua filosofia era chiara: “la politica è una cosa, gli affari so’ affari”. Condannato in passato per omicidio, si era inventato prima una cooperativa sociale con ex detenuti e poi aveva creato un piccolo impero nel settore, come ha spiegato il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone.

Buzzi era capace di mettere al tavolo esponenti di destra e di sinistra e a lui Carminati aveva chiesto di “mettersi la minigonna e battere” per ingraziarsi la nuova giunta Marino dopo l’uscita di scena di Alemanno. “Con il cambio di maggioranza al comune di Roma – scrive il Gip – iniziando un’attività intesa a introdurre nel suo circuito criminale gli esponenti della nuova amministrazione”.

Alemanno e la proroga alle cooperative nel 2013
Buzzi: “Me la proroghi a sei mesi, arrivi a dopo le elezioni… se li famo tutti in santa pace, qui c’hai pure gente che ti vota… così ci costringi a fare le manifestazioni”.
Buzzi ad Emilio Gammuto: “Se vinceva Alemanno ce l’avevamo tutti comprati, partivamo fiuuuu (fonetico intendendo partiamo a razzo, ndr.). C’amo l’assessore ai lavori pubblici, Tredicine doveva stà assessore ai servizi sociali, Cochi andava al verde. Cochi non è comprato però è un amico, Alemanno… Che cazzo voi di più?”.

IL BLITZ DEI ROS. GUARDA IL VIDEO DEI CARABINIERI SULL’ARRESTO DI CARMINATI

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=EMduTyakgag” width=”580″ height=”340″]

“Noi c’avemo Ozzimo”, l’avvicinamento al sindaco Marino
Buzzi: “E mo vedemo Marino, poi ce pigliamo ‘e misure con Marino”.
Gammuto: “Va bè mò, Marino tramite Luigi Nieri”.
Buzzi: “Ma Nieri, è entrato Nieri?”.
Gammuto: “Non lo so”.
Buzzi: “Cazzo ne sai? Noi c’avemo Ozzimo, quattro: Ozzimo, Duranti, Pastore e Nigro”.Alemanno: “Pronto?”.
Buzzi: “Gianni come stai?”.
Alemanno: “Allora? Ma è vera ‘sta storia del disgiunto?”.

[highlight]«Non ho mai avuto conversazioni con Salvatore Buzzi». Così ha detto giovedì a “Otto e mezzo” il sindaco di Roma Ignazio Marino. Ma le foto del sito della cooperativa “29 giugno”, presieduta dal luogotenente del boss Carminati, lo smentiscono.[/highlight]

“Non ho mai incontrato Buzzi”, ma è smentito dalle foto

SMENTITO DALLE FOTO. Salvatore Buzzi con il sindaco Ignazio Marino
SMENTITO DALLE FOTO. Salvatore Buzzi con il sindaco Ignazio Marino
Il ministro Poletti con Salvatore Buzzi
Il ministro Poletti con Salvatore Buzzi
Ignazio Marino con Buzzi
Ignazio Marino con Buzzi
Salvatore Buzzi con il ministro Giuliano Poletti
Salvatore Buzzi con il ministro Giuliano Poletti
Salvatore Buzzi con Ignazio Marino
Salvatore Buzzi con Ignazio Marino
Buzzi con Poletti al un incontro della Coop 29Giugno
Buzzi con Poletti al un incontro della Coop 29Giugno

Buzzi: “Facciamo il disgiunto, facciamo. Ozzimo ed Alemanno”. (ride)
Alemanno: “Eh, questo mi onora molto”.
Buzzi: “No, ma non se fa più”.
Alemanno: “Mi onora molto”.
Buzzi: “Non lo possiamo dire, però. Mi raccomando, eh”. (ride).
Alemanno: “Come?”
Buzzi: “Non lo possiamo dire”.
Alemanno: “No, no. Vabbè, vabbè. Poi, ma poi si nota. Per cui, vediamo dopo. Però mi raccomando eh! Fate i bravi ragazzi”.
Buzzi: “Per me vinci. Per me gliela fai, gliela fai”.
Alemanno: “Sì, sì. Penso, penso di sì e siamo in recupero. Poi, ovviamente bisogna vedere, non bisogna mai sottovalutare l’avversario. Va bene”.

Salvatore Buzzi con Giuliano Poletti
Salvatore Buzzi con Giuliano Poletti

“Me lo so’ comprato, ormai gioca con me”, i contatti con Mirko Coratti (Pd)
Caldarelli: “Vabbè, ricordate sta cosa: so un milione e 8, è importante. Perché è politica la scelta al di là…”.
Buzzi: (a bassa voce:) “Oh, me sò comprato Coratti”.
Caldarelli: “Eh, ricordate da diglielo”.
Buzzi: “Lui sta con me. Gioca con me ormai”.
Caldarelli: “Eh, ricordateglie de questo perché… “.
Buzzi: “Oh ma che sei peggio de lui, ce vado venerdì a pranzo ma che sei rincoglionito. Ma che cazzo, non cambi mai, sempre la stessa cosa”.
Caldarelli ride.

Buzzi: “E che cazzo, che me so rincoglionito, poi non tutte riescono però uno ce prova, eh (ride). Gliel’ho detto: “Guarda, lo stesso rapporto che c’abbiamo con Giordano lo possiamo aver con te. M’ha capito subito. Poi però il problema è che lui non so quanto a quanta gente c’ha… mentre con Giordano semo… Quando io gl’ho detto tutto lui non m’ha detto no. M’ha detto ci vediamo a pranzo venerdì. Più de questo, che me deve di’? Al capo segreteria suo noi gli diamo 1000 euro al mese. Sò tutti a stipendio Cla’. Io solo per metteme a sede a parlà con Coratti 10 mila gli ho portato”.

LE FOTO CHE IMBARAZZANO IL GOVERNO RENZI Il ministro del Lavoro Poletti ad una cena con Buzzi. Proprio ieri il Senato ha varato la discussa riforma Jobs Act
LE FOTO CHE IMBARAZZANO IL GOVERNO RENZI Il ministro del Lavoro Poletti ad una cena con Buzzi. Proprio ieri il Senato ha varato la discussa riforma Jobs Act

Buzzi: “I nostri assi nella manica per farci vince la gara dovrebbero essere la Cesaretti per conto di Sel, Coratti che venerdì ce vado a prende un bel caffè e metto in campo anche Cosentino”. Parlando di Coratti, Buzzi: “Me lo so’ comprato, ormai gioca con me”.

“Lo dobbiamo valorizzare, lo dobbiamo lega’ di più a noi” su Mattia Stella, capo segreteria di Marino
Buzzi l’8 aprile invia un sms a Mattia Stella: “Sono da Coratti”.
Stella: “Oh Salvato’ io sto giù da me”.
Buzzi: “Appena finisco da Coratti, scendo giù da te”.

Parlando di Stella, Buzzi: “Sto’ Mattia lo dobbiamo valorizzare, lo dobbiamo lega’ di più a noi”
I rapporti con Eugenio Patanè, consigliere regionale Pd
Buzzi: “Noi dovremmo dare a Patanè per la gara che abbiamo vinto…”.
Garrone: “122 euro”.
Buzzi: “122 euro e non esiste proprio. Non esiste che quelli hanno chiesto i soldi a Patanè. 120.000 euro, 120 noi e 120… hai capito come funziona?”
Garrone: “Ho capito”.Buzzi: “Noi a Panzironi che comandava gli avemo dato 2,5%, 120 mila euro su 5 milioni. Mo damo tutti ‘sti soldi a questo?”.
A insistere per i soldi a Patanè è Franco Cancelli, della cooperativa Edera, finito ai domiciliari.
Buzzi: “Lui mi dice “ah però bisogna da’” e alla fine dice, “la differenza sarebbero 10 mila euro” perché ne vorrebbe subito 60 e gliene toccherebbero 50, dice. Ho fatto “oh, guarda che il problema però è la tua aggressività. Perché se Patanè garantisce, non c’avemo problemi”.

“Ci divertiremo parecchio”, su Luca Odevaine, vicecapo di gabinetto del sindaco Veltroni
Sull’ipotesi di Odevaine con Marino, Buzzi: “Così ci si infilano tutte le caselle… qualche assessore giusto… ci divertiremo parecchio”.

Parlando con Giovanni Campennì, Buzzi: “Mò c’ho quattro… quattro cavalli che corrono… col Pd, poi con Pdl ce ne ho tre e con Marchini c’è… c’ho rapporti con Luca (Odevaine, ndr) quindi va bene lo stesso… lo sai a Luca quanto gli do? Cinquemila euro al mese… ogni mese… ed io ne piglio quattromila”.

L’appoggio alle primarie del Pd a Marroni contro Marino
Buzzi: “Noi oggi alle cinque lanciamo Marroni alle primarie per sindaco”.
“È vero, se vince il centrosinistra siamo rovinati, solo se vince Marroni andiamo bene”

Alessandro Montani: “Ma come me tocca votà Marroni questa volta veramente mi incazzo, se non voti Alemanno veramente …ti sputtano a tutto il mondo… l’ho detto a tutti, ho detto guarda che l’unico che ci ha guadagnato qualche cosa da Alemanno è stato Salvatore”
Buzzi: “Ormai Umberto colle cose del Comune non c’entrerà più niente, eh!” (è eletto deputato Pd)
Condividi