Morto Mango per un infarto durante un concerto. Lui: "Scusate"

Mango durante l'esibizione a
Mango durante l’esibizione a Sanremo nel 2007 (Ansa/Onorati)

Il cantante Mango è morto ieri sera, stroncato da un infarto, durante un concerto che stava tenendo al “Palaercole” di Policoro, in provincia di Matera. L’artista, che aveva compiuto 60 anni il 6 novembre scorso, è stato soccorso e trasportato in ospedale, dove è però giunto senza vita.

Sgomento in tutto il mondo artistico e musicale che in queste ore si sta recando al capezzale nel noto artista per l’ultimo addio.

Mango
Mango

All’ospedale di Policoro sono giunti i parenti del cantante, non soltanto da Lagonegro (Potenza), dove Mango era nato il 6 novembre 1954.

Il malore ha colpito Mango mentre stava cantando “Oro”, uno dei suoi brani più famosi, che era diventato anche la colonna sonora di uno spot pubblicitario altrettanto noto al grande pubblico. Prima di chiedere aiuto ha detto al suo pubblico “Scusate…”. Poi la disperata corsa in ospedale.

Molti fan, dopo che il cantante (all’anagrafe, Giuseppe Mango) si è sentito male si sono trasferiti dal palazzetto del concerto all’ospedale; sui social network sono già molti i messaggi di cordoglio che ricordano il cantautore che con le sue canzoni e la sua voce ha fatto sognare intere generazioni.

 

 

MEDITERRANEO (E LA PLAY LIST)
Fra i molti suoi successi del cantante, anche il premio della critica ottenuto nel 1985 al Festival di Sanremo, dove partecipò più volte. Con “Mediterraeo” recita un vero e proprio inno al suo Sud, con le sue bellezze, il suo mare e il suo paesaggio. [toggle title_open=”Chiudi” title_closed=”TESTO MEDITERRANEO – MANGO” hide=”yes” border=”yes” style=”default” excerpt_length=”0″ read_more_text=”Read More” read_less_text=”Read Less” include_excerpt_html=”no”] Bianco e azzurro sei
con le isole che stanno lì
le rocce e il mare
coi gabbiani
Mediterraneo da vedere
con le arance
Mediterraneo da mangiare
La montagna là
e la strada che piano vien giù
tra i pini e il sole
un paese
Mediterraneo da scoprire
con le chiese
Mediterraneo da pregare

Siedi qui
e getta lo sguardo giù
tra gli ulivi
l’acqua è scura quasi blu
e lassù
vola un falco lassù
sembra guardi noi
fermi così
grandi come mai
guarda là
quella nuvola che va
vola già
dentro nell’eternità

Quella lunga scia
della gente in silenzio per via
che prega piano
sotto il sole
Mediterraneo da soffrire
sotto il sole
Mediterraneo per morire

Siedi qui
e lasciati andar così
lascia che
entri il sole dentro te
e respira
tutta l’aria che puoi
i profumi che
senti anche tu
sparsi intorno a noi
guarda là
quella nuvola che va
vola già
dentro nell’eternità [/toggle] Nel 2007 il duetto con la moglie Laura Valente (futura voce dei Mattia Bazar) che ha spostato nel 2004, ma stavano insieme dal 1985. Mango lascia anche due figli, di 19 e di 15 anni.

Il messaggio su Twitter dei suoi collaboratori: "Volato nel cielo sbagliato"


Sulla pagina ufficiale di Mango su Facebook, un commosso ricordo di chi lavorava con lui. Ma anche su Twitter e molti altri social in cui viene ricordato il cantante che ha fatto sognare intere generazioni a cavallo tra gli anni ’80 e ’90.

Il cantante Mango in coppia con Laura Valente, in gara nella categoria Campioni con il brano ''Chissa' se nevica'' (Ansa/Onorati)
Il cantante Mango in coppia con Laura Valente, in gara nella categoria Campioni con il brano ”Chissa’ se nevica” (Ansa/Onorati)

“AMO LA MIA TERRA, LA LUCANIA”

Mango era legatissimo alla sua Lucania, della quale raccontava: «La Basilicata è un sano principio». Tra novembre e dicembre il cantautore stava affrontando «Elettroacustico», una serie di concerti acustici in preparazione di una tournée in sala al via da gennaio.

COME MONNA LISA

L’ultimo avrebbe dovuto essere proprio quello di Policoro, una serata benefica dal tema «Solidarietà e integrazione» in favore della Onlus «World of Colors» per la costruzione di una scuola a Bolama, in Guinea Bissau. Oltre a Mango, erano presenti per la serata anche la moglie Laura Valente, e cantanti come Dino Paradiso, Franco Fasano, Roberta Albanesi, Fabio Rondinelli e Metis Di Meo.

BELLA D’ESTATE

Una carriera estremamente precoce, la sua, iniziata già all’età di sette anni con dei gruppi locali che suonano dal blues all’hard rock. Nel 1975 si trasferisce a Roma e incide, per Rca, «La mia ragazza è un gran caldo», il suo primo album.

Mango con Gino Paoli
Mango con Gino Paoli

I suoi testi (molti dei quali scritti dal fratello Armando) attirano l’attenzione di diversi cantanti, tra i quali Patty Pravo e Mia Martini. Nel 1984 presenta alla casa Fonit un brano, «Mama Woodoo»: con un testo di Mogol, verrà trasformata in «Oro».

TI AMO COSI

Fra i molti successi di Mango anche il premio della critica ottenuto nel 1985 al Festival di Sanremo con «Il Viaggio». Nello stesso anno incontra la cantante Laura Valente, futura cantante dei Matia Bazar, e oltre a volerla come corista, allaccia una relazione che durerà fino al 2004, anno in cui la coppia si è sposata.

E' morto Mango. Addio al grande artistaAltri celebri brani del cantautore sono «Bella d’estate» (scritta insieme a Lucio Dalla), appunto «Mediterraneo» e «Lei verrà» ma anche altri tantissime canzoni che hanno lasciato un segno nella musica pop e d’autore italiana.

Con Mango scompare uno di noi. Uno dei migliori cantanti italiani che aveva una voce straordinaria, sublime e melodica. Inimitabile per tanti aspiranti cantanti che di sera si esercitano nei piano bar.

Condividi