Affluenza elezioni regionali. Alle 19 il 39,2%. Nel 2010 si votò in 2 giorni

Il candidato a governatore della Campania Vincenzo De Luca mentre vota a Salerno - alle 19 affluenza elezioni regionali al 39,2 percento
Il candidato a governatore della Campania Vincenzo De Luca mentre vota a Salerno (Ansa/Pica)

Affluenza elezioni Amministrative alle 19 è del 48,96%, quella per elezioni regionali del 39,24%. Quando mancano circa due ore alla chiusura dei seggi, si vota fino alle 23, è questo il dato del Viminale sull’election day cui sono stati chiamati alle urne quasi 23 milioni di italiani. Alle 19, l’affluenza rilevata dal ministero dell’Interno per le regionali è del 39,24 percento. Nelle precedenti elezioni regionali del 2010 si votò in due giorni. Alle ore 12 l’affluenza è stata del 15,7 percento.

E’ stata invece del 48,96% l’affluenza alle urne rilevata alle 19 per le elezioni comunali in 512 centri chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale, non terrebbe conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Anche in questo caso, nelle precedenti elezioni amministrative si votò domenica e lunedi fino alle 15.

IL VOTO DEI BIG
Il premier Matteo Renzi, intorno a mezzogiorno ha votato a Pontassieve (Firenze), accompagnato dalla moglie Agnese. Accompagnato dai figli Piero e Roberto, l’ex sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, candidato Pd alla presidenza della Regione Campania, si è recato alle urne stamattina nel rione Carmine di Salerno.

Al termine del voto, De Luca, che non ha rilasciato nessuna dichiarazione ai giornalisti presenti, si è diretto, a piedi, verso l’abitazione che si trova poco distante dal seggio. Il Presidente della Campania, Stefano Caldoro, candidato per il centrodestra alla Presidenza della Regione, si è recato alle urne a Napoli poco dopo le 11:30. Caldoro era con la moglie, Annamaria Colao, la figlia Alessia e la suocera.

A Giugliano (Napoli) ha votato il presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone. Nel comune a Nord di Napoli, si vota anche per il rinnovo del Consiglio comunale. A Terlizzi, sua città natale, ha votato il presidente uscente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Vendola, che ha governato la Regione per due legislature, non si è ricandidato.

Il centrosinistra ha candidato l’ex sindaco di Bari e segretario regionale del Pd, Michele Emiliano, che ha vinto le primarie ed è appoggiato da una serie di liste tra cui quella del presidente uscente Vendola. La prima a presentarsi ai seggi in Veneto è stata la candidata del centrosinistra Alessandra Moretti, alle 10.30. Luca Zaia, attuale governatore leghista, in corsa per la rielezione, ha espresso il suo voto alle 13.05 a San Vendemiano (Treviso).

Siparietto al seggio tra Beppe Grillo e la moglie Parvin Tadjk nel seggio di Sant’Ilario. Alla moglie ha detto: “Sai come votare? Ti ho spiegato tutto”. La signora ha risposto: “Sì, sì. Certo che lo so”. A quel punto Grillo ha scherzato con il presidente di seggio chiedendo di poterla riprendere con il telefonino per verificare “cosa combina”.

Il presidente ha sorriso e ha detto “Sa benissimo che non è possibile”. “Di Maalox ne ho sempre una scorta dietro, ma sono ottimista per la nostra Alice Salvatore” (candidata M5S in Liguaria, ndr), ha detto Beppe Grillo uscendo dal seggio, riferendosi alla candidata del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Liguria.

Condividi

Rispondi