Putin: "Le sanzioni sono un disastro per l'Italia. Dite stop"

Renzi con Putin al bilaterale a Milano: Le sanzioni fanno male all'economia italiana
Renzi con Putin al bilaterale a Milano

Vladimir Putin è venuto in Italia per parlare di persona con il quarto partner commerciale in Russia. Cioè l’Italia rappresentata da Matteo Renzi. E in un vertice bilaterale che il presidente della Federazione russa snocciola cifre delle sanzioni comminate a Mosca dall’asse Usa-Ue.

E avverte per dire: Guardate che le sanzioni fanno male a voi non a me. “Le sanzioni contro Mosca – ha detto Putin – hanno danneggiato” la collaborazione tra Italia e Russia e sono “un’ostacolo oggettivo” alle imprese italiane. “A causa delle sanzioni le imprese italiane non possono guadagnare 1 miliardo di euro da contratti già siglati”, ha sottolineato.

PUTIN: “ELIMINARE SANZIONI O MODIFICHE”
Il tema delle sanzioni, oltre alla situazione Ucraina e gli accordi di Minsk, sono l’argomento più importante. Le sanzioni o si eliminano o si modificano per sostenere le aziende che vogliono collaborare con noi. E questo vale anche per i contratti firmati in campo militare e tecnologico”. Per dire che le sanzioni sono un piccolo freno per la grande economia russa (ricchissima di materie prime e di energia) ma un macigno per la fragilissima economia italiana. La Russia se prima guardava con interesse all’Europa e all’Italia come bacino economico e commerciale, dopo l’embargo Ue guarda verso i fiorenti mercati asiatici con scambi commerciali da far tremare i polsi. All’Italia non resta che osservare “inerme” questo “disastro” causato da una Unione europea troppo miope per rendersi conto del gravissimo danno economico delle sanzioni a Mosca. Mentre gli Usa, paese da cui è generata la crisi globale di tutti i tempi, viaggiano sereni verso una crescita che supera il 5 percento di Pil annuo.

“IN RUSSIA 400 AZIENDE PER OLTRE UN MILIARDO DI SCAMBI COMMERCIALI”
“L’Italia – ha detto Putrin – è il quarto partner commerciale della Russia. Ma recentemente gli scambi si sono ridotti del 10 per cento e nell’ultimo trimestre sono scesi del 25 per cento. E’ una situazione non soddisfacente per i russi ma io credo anche per l’Italia. Gli imprenditori italiani non vogliono una riduzione degli scambi commerciali”. “Ci sono oltre 400 aziende italiane in Russia e questo rappresenta oltre un miliardo di scambi commerciali, mentre i nostri investimenti in Italia sono del valore di 2-3 miliardi di euro”. E’ il quadro fatto dal presidente russo Vladimir Putin, da Milano, in conferenza stampa con il premier Matteo Renzi.

Del nodo delle sanzioni e della situazione ucraina, il presidente della Russia parlerà pomeriggio anche col Papa, Mattarella e, in serata con Silvio Berlusconi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here