Caserta, Agente uccide 4 persone per un parcheggio a Trentola Ducenta

Caserta, strage a Trentola Ducenta
Carabinieri vicino il luogo della strage a Trentola Ducenta, Caserta

Follia a Trentola Ducenta, vicino Caserta. Un furgoncino parcheggiato male scatena una lite culminata in una strage.

E’ di 4 morti il bilancio del raptus omicida di Luciano Pezzellaagente della Polizia penitenziaria di 49 anni. L’uomo ha commesso la  strage in via Carducci a Trentola Ducenta, nel casertano, uccidendo tre persone di uno stesso nucleo familiare (padre, madre e figlio) e un’altra persona.

Luciano Pezzella, secondo le prime ricostruzioni sarebbe sceso di casa e ha iniziato a litigare con i vicini per un furgoncino parcheggiato dove secondo lui non doveva stare. È poi salito in casa, ha preso la pistola d’ordinanza, si è recato dai vicini, padre, madre e figlio, e ha fatto fuoco uccidendoli.

Le vittime, secondo quanto scrive “Il Mattino” sono Michele Verde 61 anni, la moglie Vincenzina (58 anni) e il figlio Pietro di soli 31 anni. La quarta vittima è Franco Pinestra, di 37 anni, che viveva a San Marcellino. Quest’ultimo pare fosse un cliente dei Verde. Aveva acquistato della frutta.

La fidanzata del giovane si è salvata perché al momento della sparatoria  si trovava al piano superiore del palazzo. Secondo la sua prima testimonianza sarebbe stato il fidanzato Pietro Verde a dirle: “resta in camera”. Il giovane è poi sceso in soccorso del padre e della madre ma anche lui ha trovato la morte.

IMMAGINE SENSIBILE. Tre delle quattro vittime. In basso a destra il presunto omicida (il Mattino)
IMMAGINE SENSIBILE. Tre delle quattro vittime. Foto con bordo rosso è il presunto omicida (il Mattino)

La dinamica – Una volta in strada l’agente penitenziario ha ucciso Michele Verde, proprietario del furgone che conteneva cassette con la frutta, ed aveva provato a fuggire. Dalla ricostruzione fatta dai carabinieri, appare questa la dinamica della strage di Trentola Ducenta. L’assassino si è poi costituito nella caserma dei carabinieri di Aversa.

Luciano Pezzella presunto autore della stage di Trentola Ducenta, Caserta
Luciano Pezzella presunto autore della stage di Trentola Ducenta, Caserta (Il Mattino)

Sembra che proprio il parcheggio del furgone fosse una costante causa di litigio tra l’agente penitenziario e le vittime. Oggi ha messo fine a tutto spedendoli tutti al creatore. Una strage assurda che ha sconvolto Trentola Ducenta e tutto il casertano.

L’agente, presunto autore della strage, è stato subito sottoposto a interrogatorio da parte dei Carabinieri, che l’hanno fermato dopo che si è costituito. Sulla vicenda indagano i Carabinieri del Comando Provinciale di Caserta, al comando del colonnello Giancarlo Scafuri, e del maggiore Pannone. In corso i rilievi sulla scena del delitto. Le indagini sulla strage sono coordinate dal sostituto procuratore di turno presso la Procura di Napoli Nord.