Renzi a Piacenza: "Stato di emergenza e deroga al patto"

Renzi mentre sorvola il Piacentino. Alle sue spalle, il capo della protezione civile Curcio. Poi a Piacenza per fare il punto coi sindaci
Renzi mentre sorvola il Piacentino. Alle sue spalle, il capo della protecione civile Curcio.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha effettuato un sorvolo in elicottero nel Piacentino per rendersi conto delle devastazioni dell’alluvione di lunedi scorso.  Il premier era accompagnato dal capo della Protezione civile Fabrizio Curcio.

Renzi è rimasto impressionato per i danni dal maltempo in Emilia Romagna. Una stima precisa non è stata ancora fatta, ma da quanto filtra, sarebbero centinaia i milioni di euro di danni a case, auto, strade, agricoltura, imprese, capannoni industriali, macchinari, sistema fognario, acquedotti e reti energetiche.

Per far fronte a questa massa di danni, Renzi ha annunciato che nei prossimi giorni “il Governo dichiarerà lo stato di emergenza: l’esecutivo – ha detto – è pronto a fare la propria parte, come ha fatto anche altrove, con una deroga del patto di stabilità per i Comuni maggiormente colpiti e con uno spazio di libertà di rinvio fiscale”.

Renzi nel PiacentinoSubito dopo il premier è giunto a Piacenza per incontrare in Prefettura i sindaci dei Comuni alluvionati per fare il punto insieme alla protezione civile. Intanto non ci sono novità sul fronte delle ricerche di Filippo Agnelli, il papà di Luigi, trovato senza vita nel letto del Nure, il fiume da cui sono stati travolti, insieme alla loro Jeep.

RENZI SORVOLA LE ZONE ALLUVIONATE

Condividi