Tangenti al comune di Milano, arrestate 4 persone

Corruzione al comune di Milano, arrestate 4 personeE’ di quattro arresti e una decina di indagati il bilancio di un’operazione anti corruzione condotta dalla Guardia di Finanza di Milano, a palazzo Marino, sede del comune capoluogo.

Si tratta di due dipendenti del Comune di Milano, un ex dirigente e il titolare di una società edile che sono stati arrestati con un ordinanza del Gip Alfonsa Ferraro nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Giulia Perrotti e dal pm Luca Poniz. Le investigazioni sono state svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria milanese.

Le accuse per i quattro indagati sono di associazione a delinquere, corruzione, turbativa d’asta, truffa ai danni di Ente Pubblico (Comune di Milano) e falso.

Perquisizioni sono state effettuate al municipio milanese, presso le sedi milanesi dell’Aler – L’Azienda lombarda di edilizia residenziale – e nelle abitazioni degli indagati. Perquisizioni anche nelle province di Milano, Pavia ed Asti nonché la notifica dell’ “avviso di garanzia e sul diritto alla difesa” nei confronti di ulteriori indagati a vario titolo per reati di corruzione, turbativa d’asta e bancarotta e di 2 persone giuridiche per la responsabilità ai sensi del D.lgs. n. 231/2001.

Le Fiamme gialle hanno sequestrato documenti in Comune e presso la stessa sede Aler. I reati su cui indaga la Procura sarebbero stati commessi nel periodo che va dal 2005 al 2012, a cavallo di due legislature quando alla guida del comune di Milano c’erano l’ex sindaco Letizia Moratti e l’attuale primo cittadino, Giuliano Pisapia.

A finire in manette sono Mario Luigi Grillone, “nella sua qualità – scrive il gip – di ex dirigente del Comune e nell’attuale ruolo di procacciatore di contatti e affari per aziende private nonché di socio occulto della società “Professione edilizia srl”.

Arrestati anche Marco Volpi, titolare della società edile. A San Vittore anche Giuseppe Amoroso e Angelo Russo, rispettivamente dipendenti del settore manutenzione del Comune.

Amoroso e Russo sono considerati dagli inquirenti, “soci occulti della società Professione edilizia”. Nel corso delle indagini sono stati altresì raccolti elementi in ordine alla commissione del reato di presunta truffa ai danni del Comune di Milano, da parte di Amoroso e Russo in relazione ad ingiustificati e reiterati allontanamenti dei predetti dipendenti comunali dal luogo di lavoro durante l’orario di servizio.

Sotto la lente degli inquirenti gli appalti e la presunta corruzione all’Aler nonché nel giro delle ristrutturazioni e lavori vari delle scuole milanesi di competenza comunale.