Santa Maria Capua Vetere, due arresti per una tentata rapina

Passamontagna e pistole sequestrate dai Carabinieri a Santa Meria Capua Vetere
Le pistole e i passamontagna sequestrati a Santa Meria Capua Vetere

I carabinieri della stazione di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), hanno arrestato, in flagranza per tentata rapina in concorso, aggravata dall’uso di armi, due pregiudicati.

Si tratta di Carmine Di Saverio, di 24 anni e Giuseppe Di Nuzzo, (26), entrambi di Capodrise (Ce). I due sono stati sorpresi dai militari dell’Arma mentre tentavano di rapinare una rivendita di tabacchi di via Fardella a Santa Maria Capua Vetere.

Alla vista dei carabinieri, i malviventi, hanno tentato di scappare a bordo di un’autovettura parcheggiata a breve distanza dal negozio preso di mira. A nulla però è valso il tentativo di fuga poiché sono stati subito raggiunti e bloccati. Uno dei due ha subito cercato di disfarsi di una pistola.

La successiva perquisizione personale e dell’auto, ha consentito ai militari di rinvenire e sequestrare 2 pistole repliche in metallo, prive di tappo rosso e due passamontagna.

Il titolare ed il dipendente del tabacchi hanno riferito che i due rapinatori, con volto travisati, avevano tentato di introdursi all’interno dell’esercizio commerciale e, avendo trovato la porta d’ingresso, in vetro blindato, chiusa, avevano armato le pistole minacciando di esplodere colpi di arma da fuoco all’indirizzo dei presenti, a farli desistere dal loro interno però sono stati i carabinieri sopraggiunti sul posto.

Il mezzo utilizzato per la fuga risulta provento di furto commesso nella serata di ieri in Capodrise (Caserta). Gli arrestati sono stati accompagnati presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.