Il clan Grande Aracri in rapporti con Chiesa e Cassazione

Il clan Grande Aracri in rapporti con Chiesa e Cassazione
Nicolino Grande Aracri

CROTONE – La cosca Grande Aracri, colpita dall’operazione “Kiterion 2” dei Carabinieri, avrebbe tentato di aprire dei canali per avvicinare personaggi eccellenti che avrebbero potuto agevolare gli interessi della consorteria di ‘ndrangheta. Si tratterebbe di ambienti ecclesiastici e ordini di cavalierato e millantati rapporti persino in Corte di Cassazione.

Un contesto emerso già nella prima tranche dell’operazione condotta lo scorso anno e che ora conduce direttamente a Grazia Veloce, giornalista di 72 anni residente a Pomezia, finita agli arresti domiciliari nell’ambito dell’operazione “Kiterion 2” portata a termine oggi dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.

In particolare, secondo gli inquirenti, Grazia Veloce avrebbe utilizzato le sue relazioni personali in ambienti ecclesiastici romani e in ordini di cavalierato. In questo modo, sempre secondo l’accusa, avrebbe assicurato i rapporti dei vertici del sodalizio criminoso con questi ambienti altolocati.

Un esempio di questi rapporti avviati dal clan crotonese sarebbe stato l’intervento della stessa Grazia Veloce nei confronti di prelati romani per consentire l’avvicinamento del genero del boss Nicolino Grande Aracri, Giovanni Abramo, detenuto a Sulmona per l’omicidio di Antonio Dragone.

La cosca si sarebbe rivolta proprio alla professionista per agevolare il trasferimento del congiunto in un carcere calabrese. Dietro ai rapporti con ambienti influenti spiccano anche le figure dell’avvocato romano Benedetto Giovanni Stranieri (non colpito da questa ordinanza, ma coinvolto nella precedente inchiesta) e della sorella, anch’ella avvocato, Lucia Stranieri, per la quale il gip ha ritenuto di non dovere applicare alcuna misura restrittiva per mancanza di esigenze cautelari, pur riconoscendo il coinvolgimento nell’inchiesta.

I due, in particolare, avrebbero provato ad intervenire sulla Corte di Cassazione che avrebbe dovuto giudicare Giovanni Abramo nel processo per l’omicidio di Antonio Dragone. Secondo il procuratore Giovanni Bombardieri, pero’, “non è stato individuato alcun soggetto in Cassazione con cui ci sarebbe stato un dialogo. Emergono pero’ inquietanti intercettazioni tra gli indagati, ma non si esclude che possa essersi trattato di una millanteria”.

Condividi