Milano Certosa, Sondrio e Rimini. 3 persone uccise dal treno

Dramma a Milano e Sondrio, treno investi e uccide 2 persone
A sinistra un Frecciarossa, a destra un convoglio di Trenord

La morte corre sui binari. E’ stata una giornata campale oggi in Italia con 3 gravi incidenti in ferrovia a Milano, Sondrio e nel Riminese. Tre i morti. Una giovane di 19 anni è stata travolta è uccisa in un incidente stamani alla stazione di Milano Certosa. Dalle prime informazioni pare che la giovane avesse attraversato i binari mentre stava ascoltando musica con gli auricolari. Probabilmente la sfortunata ragazza non si si è accorta che sopraggiungeva il treno.

Secondo quanto ricostruito finora dalla Polfer l’incidente è avvenuto attorno alle 8, la giovane è stata presa in pieno dal treno Frecciarossa Torino-Napoli 9513. I passeggeri sono stati fatti salire a bordo di un altro treno circa 50 minuti dopo.

Altra vittima a Talamona (Sondrio) – Un altro uomo è stato investito ed ucciso da un treno sulla linea Tirano-Sondrio-Lecco-Milano, gestita da Trenord. Il dramma si è verificato giovedì mattina, verso le otto e trenta nel comune di Talamona (Sondrio). Non sono chiari i dettagli di questo incidente, né sono state rivelate le indentità delle due vittime.

In entrambi gli incidenti, quelli di Milano Certosa e Talamona, sono subito giunti i soccorsi ma per i due non c’era più nulla da fare. Sul luogo anche l’autorità giudiziaria e le forze dell’ordine. A causa dei due investimenti, la circolazione è stata interrotta per un breve periodo e poi ripristinata.

Tragedia nel Riminese dove 33enne è morto dopo essere stato investito da un treno in transito nel tentativo di salvare il proprio cane scappato dal cortile di casa. L’incidente è avvenuto, nel pomeriggio, vicino ad passaggio a livello a Bellaria.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, l’uomo, originario del luogo, era sui binari per raggiungere uno dei due cani scappati di casa quando è stato travolto dal convoglio ed è deceduto insieme al suo animale. Sul posto anche la polizia ferroviaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here