Camorra: Sms ad Alessandro Zagaria, vota Pd e scrivi Graziano

Camorra: Sms ad Alessandro Zagaria, vota Pd e scrivi Graziano
Stefano Graziano

“Buongiorno ti chiedo di continuare a lavorare e chiedere il voto fino a domani sera alle 23! Non fermiamoci potrebbe essere determinante il rush finale di De luca vota pd e scrivi Graziano”. E’ il testo di un sms che il presidente (autosospesosi) del Pd della Campania e consigliere regionale, Stefano Graziano, indagato per concorso esterno in associazione camorristica, invia all’imprenditore Alessandro Zagaria, ritenuto legato al clan dei Casalesi, alla vigilia del voto delle Regionali dello scorso anno. L’sms fa parte dei documenti depositati dalla Dda di Napoli agli atti dell’inchiesta su presunte infiltrazioni della camorra negli appalti nel Casertano.

Tra le intercettazioni depositate dalla procura che testimoniano, secondo gli inquirenti, lo stretto rapporto tra il politico e l’imprenditore vi sono altre due telefonate, del primo giugno 2015 (all’indomani del voto) e del 3 giugno, quando erano noti i risultati e l’affermazione di Graziano, eletto consigliere regionale risultando al secondo posto in Campania come numero complessivo di preferenze. Nella prima Zagaria (di cui all’epoca non era noto il coinvolgimento nell’inchiesta su camorra e appalti) chiama Graziano.

“Ue Alessandro!”, risponde l’esponente Pd. Zagaria: Buongiorno come state?; Graziano: eeee…ho detto questo mi ha abbandonato Zagaria: Non esiste proprio! Graziano: Mi ha lasciato in mezzo al…
Zagaria: quando ci vogliamo vedere? dove state? Graziano: quando vuoi tu.

I due si accordano per un incontro l’indomani mattina a Teverola (Caserta), dove vi è la sede del comitato elettorale di Graziano.

“Onorevole!” esordisce Zagaria nella telefonata del 3 giugno.
Graziano: Alessandro…tutto a posto? Zagaria: auguri! sì..sì…sì…
Graziano: grazie…grazie! Zagaria: ieri sera ho detto: forse sarà stanco e non ho chiamato Graziano: tutto bene…tutto bene Zagaria: dopo un passaggio di quella maniera! Beh! Graziano: va bene…davvero! Zagaria: sì..sì…

Graziano: tutto a posto? Zagaria: quando state un poco libero per venirvi a fare gli auguri? Graziano: chiamami domani mattina Zagaria: eh…però dobbiamo fare una cena da me dopo! una cena da me! Graziano: questo dipende da te questo! Zagaria: (ride)…no…no…allora poi vi chiamo Graziano: però nel frattempo domenica sera faremo la festa Zagaria: eh..E vengo a farvi gli auguri là! E poi ci organizziamo Graziano: ciao un abbraccio! Zagaria: un abbraccio!” (Ansa)

Condividi

Rispondi