Estorsione e camorra con donne, 57 arresti in 6 province

Estorsione e camorra con donne, 57 arresti in 6 provinceI militari dell’Arma della Compagnia di Mondragone, coordinati dai magistrati della Dda partenopea, stanno dando esecuzione, nelle province di Caserta, Napoli, Latina, Varese, Pavia e Roma, a 57 provvedimenti cautelari, emessi dal Gip di Napoli per reati di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, tentato omicidio in concorso, detenzione e porto illegale di armi da fuoco e ricettazione, tutti aggravati dal metodo mafioso.

L’indagine ha permesso, tra l’altro, di far luce su condotte estorsive, perpetrate anche con l’uso di armi illegali, ai danni di imprenditori locali e di ditte edili impegnate nella realizzazione di lavori pubblici.

Nel corso dell’attività investigativa, sono stati ricostruiti anche due tentati omicidi ed è stato accertato il ruolo svolto dalle donne all’interno del sodalizio criminale, mogli degli affiliati, alle quali venivano versate periodiche somme di denaro necessarie al mantenimento dei rispettivi familiari detenuti.

L’attività di polizia condotta dalla Compagnia di Mondragone è stata diretta dal procuratore capo, Giovanni Colangelo, l’aggiunto Giuseppe Borrelli e coordinata da Antonio D’Amato (ora Procuratore aggiunto di Santa Maria Capua Vetere), nonché dai sostituti Alessandro D’Alessio e Maria Laura Lalia Morra.

Condividi