Palermo, uccide il vicino dopo una lite per la biancheria stesa

Palermo, uccide il vicino Vincenzo Barbagallo per la biancheria stesa Ci sarebbe l’ennesima lite condominiale all’origine dell’omicidio nel popolare quartiere Borgo Nuovo a Palermo. Nel primissimo pomeriggio, in un palazzo di largo Pozzillo, un uomo che sarebbe stato identificato in Francesco Lo Monaco, 49 anni, avrebbe sparato colpi d’arma da fuoco contro il 68enne Vincenzo Barbagallo, uccidendolo.

Nella sparatoria sarebbero rimasti feriti i figli della vittima, Domenico ed Elvira, il primo colpito di striscio, mentre la donna per lo choc. Sul posto sono giunti i soccorritori del 118 e i carabinieri che hanno bloccato il presunto omicida conducendolo in caserma. I militari indagano sul movente e per accertare la dinamica dell’omicidio.

Secondo una prima ricostruzione, i due condomini avrebbero avuto una prima lite intorno all’ora di pranzo per problemi legati alla biancheria stesa ad asciugare dai familiari di Barbagallo. Poi un’altra più tardi sfociata nel sangue, con Lo Monaco che avrebbe impugnato l’arma e ucciso Vincenzo Barbagallo.

Per lo stesso banale motivo a metà maggio 2015, a Secondigliano, un uomo aveva fatto una strage uccidendo cinque persone tra cui il fratello e la cognata per i panni stesi nel cortile.

Condividi