Delitto Claudio Silvestri a Jerago con Orago, confessa l’omicida ivoriano

Delitto Claudio Silvestri a Jerago con Orago, confessa l'omicida ivoriano
Da sinistra Emmanuel Djakoure e la vittima Claudio Silvestri

JERAGO CON ORAGO (VARESE) – E’ stato fermato il presunto killer di Claudio Silvestri, il 40enne è ucciso nella sua villetta di Jerago con Orago, soffocato e strangolato con un lenzuolo. Si tratta di Emmanuel Djakoure, un ventiduenne di origine ivoriana, in Lombardia senza fissa dimora ma regolare.

Djakoure, che ha precedenti per rapina, è stato rintracciato e, interrogato la scorsa notte dai carabinieri e dal Pm Nadia Calcaterra, ha confessato l’omicidio di Claudio Silvestri. Il giovane, da quanto trapela, sarebbe stato invitato a casa dalla vittima per un incontro occasionale, dopo un approccio presso la stazione dei treni di Gallarate.

L’uomo pare frequentasse abitualmente una zona vicina, nota per gli incontri occasionali tra uomini, soprattutto stranieri, e in una occasione sarebbe anche stato rapinato. A incastrare l’ivoriano è stata un’impronta digitale trovata su un vaso in casa di Silvestri. Quando il giovane è stato fermato aveva con sé l’orologio della vittima, il suo cellulare, monili vari rubati da casa sua e quattrocentotrenta euro in contanti.

Condividi