Muore dopo una lite in Sardegna. Fermato l’amico per omicidio

La vittima Matteo Fasolino
La vittima Matteo Fasolino

I Carabinieri della Compagnia di Tempio Pausania hanno fermato, Davide Porcu, 21enne di Santa Teresa di Gallura, quale indiziato di delitto, per omicidio preterintenzionale. Il giovane è sospettato di aver causato la morte di Matteo Fasolino, un coetaneo con cui avrebbe avuto stanotte un violento litigio.

Il fermato aveva trascorso la serata di venerdì insieme a un gruppo di amici, tra i quali Fasolino, giovane del posto. Secondo una prima ricostruzione effettuata dagli inquirenti, quando in tarda nottata i due giovani si sono allontanati dal gruppo, presumibilmente ubriachi, e hanno deciso di rincasare, tra loro sarebbe scoppiato un litigio per futili motivi.

L’alterco si è presto trasformato in colluttazione, ad esito della quale il giovane Fasolino avrebbe sbattuto violentemente la testa su una fioriera della piazza finendo riverso a terra, mentre il suo presunto aggressore si sarebbe subito allontanato. I soccorsi, operati dalla locale Misericordia su segnalazione degli amici del giovane, che lo hanno trovato riverso a terra in una pozza di sangue, sono risultati vani e Matteo Fasolino è deceduto appena all’uscita del paese a bordo dell’ambulanza.

Non appena i Carabinieri della Stazione di Santa Teresa e della Compagnia di Tempio sono venuti a conoscenza del fatto, hanno avviato le indagini al fine di accertare con precisione la dinamica degli eventi e identificare compiutamente il giovane che era stato visto dal gruppo allontanarsi con la vittima.

Al termine delle prime attività, sono emersi elementi sufficienti per sottoporre Davide Porcu a fermo di indiziato di delitto per omicidio preterintenzionale e il Pubblico Ministero di turno presso la Procura di Tempio ne ha disposto la detenzione presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri, in attesa della convalida da parte del Gip.