Fiumi di droga nella Capitale, 18 arresti della Polizia

Fiumi di droga nella Capitale, 18 arresti della Polizia
Uno dei tanti sequestri di droga a Roma da parte della Polizia

Faceva il giro di tutte le comitive ai Parioli e prendeva gli “ordini”. Proprio durante una delle sue “soste” ad attenderlo c’erano i poliziotti del Commissariato Salario-Parioli. Perquisito, è stato trovato con 13 involucri di cocaina e 400 euro in contanti. L.E., queste le sue iniziali, di origini albanesi di 24 anni sono scattate le manette.

Ma sono 18 gli arresti effettuati negli ultimi giorni dagli agenti della Polizia di Stato nella capitale per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

4 nella zona di Ponte di Nona in due diverse circostanze. Gli agenti del commissariato Casilino, al termine di una breve indagine, hanno individuato un’abitazione in via Rodolfo Verduzio al cui interno sono state trovate dosi di cocaina e hashish, oltre ad un bilancino di precisione e 3.800 euro in contanti probabile provento del “lavoro”; tre i fermati, 2 albanesi ed un rumeno.

Nella stessa zona gli investigatori del Commissariato Prenestino hanno sorpreso un romano di 35 anni mentre rientrava nel proprio appartamento al cui interno i poliziotti hanno trovato 3 “panetti” di hashish ed un taccuino con il resoconto dell’attività di spaccio della droga.

Sempre gli agenti del Casilino hanno bloccato altri 3 pusher.
2 giovani sono stati sorpresi scambiarsi della droga, dietro pagamento, in un cortile di via Camassei. Identificati per P.C.A. di nazionalità rumena di 21 anni e C.M, livornese di 20 anni, sono stati trovati con, indosso, alcune dosi di cocaina e alcune grammi di hashish, oltre a denaro contante.

Il terzo a Tor Bella Monaca, in via dell’Archeologia; l’uomo, un romano di 35 anni aveva con se 48 dosi di cocaina che, alla vista dei poliziotti, ha gettato in terra cercando di fuggire; dopo essere stato accompagnato negli uffici di Polizia anche per lui è scattato l’arresto per spaccio.

Operazione antidroga portata a termine invece al “Quartaccio” dagli agenti del Commissariato Primavalle. All’esito di un’attività investigativa, sviluppata nelle ultime settimane, gli investigatori hanno individuato un appartamento in via Andersen molto “frequentato”; al termine di servizi di appostamento, notando il continuo via-vai, è stato fermato un romano di 33 anni proprietario dell’abitazione in questione: i poliziotti perquisendo la casa hanno trovato dosi di cocaina e marijuana, oltre a oltre 1500 euro in contanti in banconote di piccolo taglio. L.V., queste le sue iniziali, è stato arrestato.

Gli stessi agenti di Primavalle hanno fermato un altro pusher in via Boccea; in quest’occasione una pattuglia durante il consueto pattugliamento della zona, ha sorpreso un giovane di 20 anni mentre cedeva alcune dosi in cambio di denaro.

Erano sedute su una panchina in via dei Volsci le due persone arrestate dagli agenti del Commissariato San Lorenzo; nella circostanza sono stati sorpresi scambiarsi un involucro. Dalla successiva perquisizione effettuata nelle loro abitazioni sono stati trovati 300 grammi di hashish; entrambi romani di 33 e 42 anni sono stati arrestati.

Si è invece sentito bussare alla porta di casa un uomo di 34 anni che per non essere scoperto ha gettato la droga nel water. Ci troviamo a Casal Boccone, dove gli agenti del commissariato San Basilio grazie all’inconfondibile fiuto del cane antidroga “Jamil” hanno rinvenuto 40 grammi di cocaina, circa 55 grammi di hashish, circa 210 grammi di mannitolo, materiale per il confezionamento, un bilancino di precisione, un quaderno con conti e nomi e, dentro alla cassaforte 5900 euro suddivise in banconote di diverso taglio. L’uomo, B.A., originario dell’Aquila, dovrà rispondere di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Era in possesso di una “trita” di marijuana un giovane romano arrestato dagli agenti del commissariato Torpignattara per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e segnalato alla Prefettura per stupefacenti. I poliziotti nel transitare in via dell’Acqua Bulicante hanno notato dei ragazzi, i quali alla vista del lampeggiante della macchina, hanno cercato di allontanarsi; uno di loro ha cercato di disfarsi del suo giubbotto, ma è stato fermato e trovato in possesso dello stupefacente.

Il servizio di controllo volto al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti nella zona Esquilino ha portato a 3 arresti. Il primo un nigeriano di 24 anni, che è stato inseguito e bloccato dagli agenti del Commissariato; nello zaino nascondeva un involucro contenente mezzo kg di marijuana.

Stessa sorte è toccata a due cittadini afgani, di 19 anni e 22 anni, colti in fragranza nei giardini di piazza Vittorio Emanuele mentre spacciavano hashish. Infine fermato e arrestato un egiziano di 39 anni sorpreso a spacciare dagli agenti del Commissariato Celio hashish in piazzale Ostiense.