31 Gennaio 2023

Arrestati gli scippatori “assassini” di Zhang Yao VIDEO

Correlati

Uno degli arrestati dalla Polizia per la morte di Zhang Yao
Uno dei fermati dalla Polizia per la morte di Zhang Yao

Sono stati individuati i presunti autori dello scippo (e forse dell’omicidio) ai danni della ragazza cinese di 20 anni, Zhang Yhao, morta “travolta” da un treno lunedi 5 dicembre a Tor Sapienza a Roma. Si tratta di 2 persone di etnia rom. La Polizia ha diffuso il video di uno dei fermati: un ventenne, R.G. L’altro, è un minorenne di 16 anni, che è stato denunciato. Ricercato un terzo soggetto.

La squadra mobile li ha scovati all’interno del campo nomadi di via Salviati. Per giungere all’identificazione, gli agenti, (in campo anche la sezione Omicidi) coadiuvati da personale dei commissariati Prenestino e San Basilio, hanno dovuto procedere ad una complessa attività di indagine.

Per poter fornire all’autorità giudiziaria gli elementi, che hanno consentito l’adozione dei provvedimenti, sono state passate al setaccio le posizioni di ogni singolo occupante del campo nomadi e ascoltate numerose testimonianze, anche informali, da esponenti delle varie etnie presenti a via Salviati.

VIDEO ARRESTO

Le indagini, condotte esclusivamente con i metodi tradizionali, attesa la pressoché totale indisponibilità di sistemi di video sorveglianza, è stata resa possibile da numerosi e pressanti controlli nel campo ma anche in aree vicine ai nomadi di tutta la capitale.

Si sono realizzate così condizioni di isolamento per gli autori del reato ai danni della ragazza cinese, le cui responsabilità, ora venute in evidenza, sono ora al vaglio della magistratura.

La ragazza era stata scippata della borsa da almeno tre persone. Zhang Yao, al fine di farsi restituire dai ladri il maltolto ha inseguito i malviventi sulla ferrovia, ma sarebbe stata “travolta” da un treno in corsa. Indagini sono ancora in corso pe accertare la vera dinamica.

Non si esclude che la giovane studentessa possa essere stata spinta sotto il treno. I criminali, vedendosi tallonati dalla 20enne avrebbero potuto levarla di mezzo al riparo da occhi indiscreti, pensando così di farla franca. Gli elementi emersi “sull’accidentalità”  della tragedia appaiono per molti poco convincenti, e cioè che Zhang  Yao si sia fatta travolgere dal treno in una sede ferroviaria abbastanza ampia, come si vede dalle immagini diffuse dalla Polizia. Una ipotesi però tutta da accertare.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Messina Denaro, perquisita la casa dell’ex amante del boss

Perquisite le abitazioni di Maria Mesi e del fratello Francesco, già coinvolti in una inchiesta perché ritenuti fiancheggiatori del capomafia

DALLA CALABRIA

Elezioni provinciali a Vibo, L’Andolina (centrodestra) è il nuovo presidente

Il sindaco di Zambrone - nelle elezioni in cui partecipano solo amministratori e consiglieri comunali -, è stato eletto con il 57,65% dei voti, battendo il candidato del centrosinistra, sostenuto anche dal Terzo polo, Giuseppe Condello, sindaco di San Nicola da Crissa, che si è fermato al 42,35%.

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER