‘Ndrangheta e appalti, arresti. Coinvolto funzionario Anas

blitz Guardia di Finanza25 misure cautelari sono state eseguite all’alba in Calabria, Sicilia e Lazio dagli uomini della Guardia di Finanza di Reggio Calabria nell’ambito di una inchiesta coordinata dalla locale Dda. Gli indagati sono accusati a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione e falso ideologico in atti pubblici, anche aggravati dalle modalità mafiose.

I provvedimenti, emessi dal Gip del Tribunale reggino, rappresentano l’epilogo delle investigazioni condotte dal Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata (G.I.C.O.) del Nucleo di Polizia Tributaria di Reggio Calabria, volte a contrastare i profili imprenditoriali della cosca di ‘ndrangheta “Piromalli”, operante nella piana di Gioia Tauro e che aveva portato al blitz

In tale contesto, è stato individuato un cartello di oltre 60 società che, attraverso la presentazione di offerte precedentemente concordate, è stato in grado di determinare l’aggiudicazione di appalti pubblici per oltre 90 milioni di euro.

Sono stati, altresì, eseguiti 38 sequestri preventivi d’azienda per un valore complessivo di circa 200 milioni di euro, nonché accertati rapporti di connivenza con il sodalizio criminale da parte di un dirigente comunale ed episodi di corruzione di un funzionario dell’Anas, Giovanni Fiordaliso, reggino del ’78