Esplode ordigno a Roma, nessun ferito. Si ipotizza pista anarchica

ordigno Roma
Il luogo dell’esplosione a Roma

Un ordigno rudimentale è esploso stamane intono alle ore 10 a Roma nel quartiere Rione XII Ripa, tra Circo Massimo e il Lungotevere Testaccio. La bomba, di potenza limitata, era contenuta in un box di plastica piazzato tra due auto nel parcheggio delle Poste di via Marmorata. Non ci sono feriti. Due auto, una delle Poste e un altro veicolo sono stati lievemente danneggiati all’esterno.

Dai primi accertamenti svolti dalla polizia sulla natura dell’esplosione si tratterebbe di “un gesto dimostrativo, non atto ad offendere”. Gli artificieri hanno anche rinvenuto due bottiglie in plastica da mezzo litro con all’interno tracce di liquido infiammabile. Sono al vaglio le immagini delle telecamere poste nel parcheggio per individuare chi ha piazzato l’ordigno.

Al momento non si è esclude alcuna ipotesi, anche quella della matrice anarchica. Secondo testimonianze citate dall’Ansa, le esplosioni sarebbero state due, una più potente, l’altra ridotta. Tra le ipotesi di lavoro degli inquirenti, anche quella che l’innesco dell’ordigno a distanza, con un radiocomando. La polizia scientifica sta esaminando la zona dove è avvenuta l’esplosione.

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo. I magistrati di piazzale Clodio attendono una informativa da parte delle forze dell’ordine intervenute, tra carabinieri, polizia, artificieri e vigili del fuoco.